Per garantire un perfetto funzionamento del sito web, abilitare Javascript nel browser.

Farsi rimborsare l’imposta sul valore aggiunto

Le persone con domicilio permanente in Svizzera possono farsi rimborsare l’imposta sul valore aggiunto delle merci acquistate all’estero. Per un valore massimo della merce di 300 franchi al giorno e a persona non si presenta nessuna imposta sul valore aggiunto svizzera. Se la merce ha un valore superiore, è comunque possibile ottenere il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) del paese in cui si è acquistato, si è però tenuti a pagare l’IVA della Svizzera.

Due semplici esempi di calcolo mostrano che la richiesta di rimborso dell’IVA conviene sempre. Immaginiamo di acquistare un giubbotto da sci in Germania per una somma che, convertita, è pari a 300 franchi. L’imposta sul valore aggiunto tedesca ammonta al 19 per cento (57 CHF). Di questi 57 franchi è possibile ottenere il rimborso totale. Se si acquista un paio di sci per una somma convertita pari a 1000 franchi, è possibile vedersi rimborsare il 19 per cento del totale (190 CHF), si è però tenuti a pagare l’8 per cento di IVA svizzera (80 CHF). In totale si arriva comunque a un risparmio di 110 franchi.
 
La merce deve essere esportata nel giro di 30 giorni dall’acquisto. È necessario dichiarare il giubbotto e gli sci alla dogana svizzera e versare l’IVA svizzera sugli sci. Dopodiché si può richiedere il rimborso dell’IVA del 19 per cento nel negozio dove si è acquistato il materiale da sci.

Anche nel caso di altri paesi è conveniente chiedere il rimborso dell’IVA. L’Austria, la Gran Bretagna e l’Italia, ad esempio, hanno un’imposta sul valore aggiunto del 20 per cento, la Francia del 19,6 per cento. Fanno eccezione determinate categorie di merci, quali ad esempio generi alimentari e libri, per cui molti paesi offrono tassi di IVA ridotti.

  • 2
  • 743

Segnalare questo articolo


Annika Redlich

Inserire un commento


  • "300 franchi al giorno e A PERSONA"

    Se io mi presento alla dogana con una fattura equivalente a 500 franchi, e viaggio insieme a mia moglie, il limite giornaliero al di sotto del quale non si deve pagare iva dovrebbe essere di 600 franchi. Questo vale anche nel caso di UNICA fattura? In altre parole, posso cumulare i 300 franchi che spettano a me con quelli di mia moglie?

    Valutazione

    Rispondere a Lorenzo

     

     

    Ancora 200 caratteri a disposizione


  • Importazione di merce in Svizzera

    Buongiorno, l’importazione di merce in Svizzera in franchigia di dazio ammonta a 300 franchi e a persona. Se quindi una fattura ammonta a più di 300 franchi, o alla somma corrispettiva in valuta straniera, si è tenuti a pagare l’iva d’importazione sull’intero importo della fattura. Nel caso dell’acquisto di più prodotti presso lo stesso negozio, può suddividere gli acquisti su due fatture in modo da non superare il tetto di 300 franchi. Se invece acquista un unico prodotto di valore superiore, deve pagare l’iva quando dichiara il prodotto in dogana. Cordiali saluti, comparis.ch

    Valutazione

    Rispondere a

     

     

    Ancora 200 caratteri a disposizione



« Panoramica di tutte le novità

Questo potrebbe interessarle...

Trasloco in Svizzera

Assistente nuovi arrivati: quando si traferisce?

Cassa malati: assicurazione di base

Confrontare qui i premi e risparmiare!

Pubblicità