Cura e manutenzione

Cura e manutenzione

INFO
|
Foto: Thinkstock
Un pizzico di attenzioni ci deve pur essere: affinché il divertimento alla guida della prima auto duri il più a lungo possibile, gli automobilisti dovrebbero provvedere a cura e manutenzione adeguate. Otto pratici consigli ti saranno di aiuto. 

Controllo dell’olio: l’olio è la linfa vitale di qualsiasi motore. Pertanto, è fondamentale controllare regolarmente il livello dell’olio! Per farlo è necessario parcheggiare il veicolo in piano, quando il motore è freddo estrarre l’astina di livello dell’olio e asciugarla con panno pulito e che non si sfilaccia. Bisogna poi inserire l’astina fino a toccare il fondo del contenitore e quindi estrarla nuovamente. A questo punto occorre osservare se il livello dell’olio è compreso tra i due segni nella parte finale dell’astina. In caso contrario, aggiungere l’olio della qualità indicata nel libretto d’istruzioni.

Cambio dei pneumatici: i pneumatici invernali devono essere montati per tempo prima dell’arrivo della stagione fredda e soprattutto della prima nevicata. Per sicurezza gli automobilisti possono attenersi a una semplice regola generale: pneumatici invernali da ottobre a pasqua. Infatti, chi ostacola il traffico a causa dei pneumatici estivi deve pagare una multa e, in caso di incidenti, è sempre corresponsabile. Inoltre, sia con pneumatici estivi che invernali, per legge la profondità minima del battistrada è di 1,6 millimetri, anche se gli esperti consigliano uno spessore di almeno 3 millimetri.

Pressione: se la pressione delle gomme è troppo bassa, i pneumatici si consumano velocemente rendendo più pericolosa la guida. Per questo motivo la pressione dovrebbe essere controllata circa una volta al mese. Tutti i distributori di benzina dispongono di compressioni d’aria. La pressione ottimale è indicata nel libretto d’istruzioni o sullo sportellino del serbatoio. In caso di un carico pesante è consigliabile aumentare leggermente la pressione di circa 0,2 bar.

Lavaggio del motore: sporcizia e fango sotto al cofano non danno certo fastidio allo sguardo, ma possono avere effetti negativi sui collegamenti elettrici e danneggiare il funzionamento del motore. Per questo motivo di tanto in tanto, presso una stazione di servizio o un autolavaggio, è opportuno spruzzare il vano motore con un getto di vapore. Bisogna tuttavia fare attenzione a non rivolgere direttamente il getto sulle componenti elettriche. Inoltre, un motore fresco di lavaggio permette di accumulare punti aggiuntivi ai rigidi controlli tecnici dei veicoli a motore.

Lavaggio della carrozzeria: prima di lavare l’auto è importante spruzzare la carrozzeria con un getto di vapore per rimuovere il sale antigelo e le particelle di sporco. Nell’autolavaggio, infatti, anche il più piccolo granellino di sporcizia agisce come carta vetrata e può danneggiare la carrozzeria.

Tergicristalli: soprattutto in inverno è difficile mantenere il parabrezza pulito se il liquido nel serbatoio dell’acqua non è sufficiente. Già in autunno è inoltre importante aggiungere antigelo all’acqua per i tergicristalli.

Controllo tecnico dei veicoli a motore: in Svizzera tutti i veicoli devono essere periodicamente sottoposti a un collaudo. La prima volta dopo 4 anni, poi dopo 3 e infine ogni 2 anni. I proprietari di veicoli ricevono tempestivamente per posta una convocazione. TCS e altre officine indipendenti offrono un test di prova.

Manutenzione del sistema antinquinamento: a partire dall’inizio del 2013 le auto moderne dotate di un sistema di diagnosi on-board sono esonerate dal rigido obbligo di controllo a cadenza biennale. Al collaudo devono presentarsi soltanto i sistemi che hanno diagnosticato errori. I sistemi OBD sono un obbligo nei motori a benzina dal 2001 e nei motori diesel dal 2004.