Inverno

Guidare in inverno: come ridurre al minimo il pericolo di incidente

CONSIGLIO
| Di Andrea Auer |
Foto: iStock / LeManna

Strade ghiacciate e ricoperte di neve, pessima visibilità: comparis.ch dà alcuni consigli per ridurre i rischi al volante durante i mesi invernali.

In inverno le condizioni climatiche rappresentano sempre una sfida per chi viaggia in automobile. Per ridurre notevolmente il pericolo di incidente nei mesi invernali, basta osservare alcuni accorgimenti. comparis.ch ha riassunto per voi i 6 punti principali.  

1. Montare gli pneumatici invernali già a ottobre

Raccomandiamo di viaggiare con le gomme termiche già a partire da ottobre. Questo perché la performance degli pneumatici estivi diminuisce significativamente non appena la colonnina di mercurio scende sotto i 7 gradi Celsius. A mettere a dura prova la tenuta di strada sono non solo la neve e il ghiaccio, ma anche l’elevata umidità dell’aria e le basse temperature, che nel caso degli pneumatici estivi provocano un calo di grip. 

2. Scegliere percorsi adeguati e guidare con prudenza

Nella scelta del percorso è meglio essere previdenti che indulgenti: evitate i passi di montagna e i tratti con servizio di sgombero neve ridotto. Soprattutto nei tratti stradali come i ponti e le aree boschive all’ombra, il manto stradale tende a ghiacciarsi rapidamente e a favorire la formazione di banchi di nebbia. Siccome molti incidenti stradali sono causati dallo stress, si consiglia di partire sempre con largo margine di anticipo. 

3. Evitare le zone con passaggio di selvaggina

Il rischio di incidenti con animali selvatici aumenta a partire dall’autunno fino al periodo dell’accoppiamento in primavera. Gli animali selvatici sono particolarmente attivi al crepuscolo, quando sono soliti attraversare la strada per andare alla ricerca di cibo. Se state entrando in una zona in cui è segnalato il possibile passaggio di selvaggina, consigliamo di ridurre la velocità; così, in caso di improvvisa presenza di animali selvatici sulla sede stradale, avrete più tempo per reagire al volante e con i comandi. Se l’impatto è inevitabile, non cercate di schivare l’ostacolo, ma se possibile effettuate una frenata d’emergenza. 

4. Adattare lo stile di guida alle condizioni meteorologiche e all’ambiente circostante

In caso di cattive condizioni stradali e di ridotta visibilità, riducete la velocità e aumentate ad almeno 50 metri la distanza di sicurezza dal veicolo che vi precede. Importante: in base all’art. 32 cpv. 2 della legge federale sulla circolazione stradale, se le condizioni stradali sono critiche è necessario diminuire la velocità. Le infrazioni, soprattutto in caso di incidente, possono comportare una denuncia con tanto di multa.

5. Mantenere la distanza di sicurezza

Spesso con le basse temperature la strada si ghiaccia trasformandosi in una superficie liscia come un vetro. In queste condizioni, anche gli pneumatici invernali hanno poca aderenza sull’asfalto. Di conseguenza, lo spazio di frenata si allunga considerevolmente e il veicolo sbanda in modo incontrollato. In caso di frenata brusca, se non si mantiene un’adeguata distanza di sicurezza si corre quasi inesorabilmente il rischio di tamponamento.   

6. Guidare con gli anabbaglianti accesi

Per i veicoli a motore vige l’obbligo di circolare con i fari anabbaglianti accesi anche di giorno. Anche i ciclisti sono per legge tenuti ad accendere le luci in caso di buio, crepuscolo e nei tunnel. Ai pedoni consigliamo di indossare indumenti possibilmente chiari, meglio se dotati di catarifrangenti.

Si è verificato un sinistro, nonostante tutte le precauzioni del caso? Allora consigliamo il nostro articolo su come procedere in caso di sinistro.