Ricerche di veicoli diesel ai minimi storici

Analisi di comparis.ch: la richiesta di veicoli diesel è calata di circa un terzo


La crescente tendenza anti-diesel si diffonde non solo in Germania. Anche in Svizzera il diesel perde terreno: la richiesta di veicoli con questo tipo di motorizzazione su comparis.ch è calata di circa un terzo, raggiungendo i minimi storici.

Zurigo, 6 marzo 2018 – Dopo la sentenza in ultimo grado del tribunale amministrativo federale di Lipsia a favore del divieto delle auto a gasolio nelle città tedesche, anche in Svizzera si moltiplicano le voci critiche sull’argomento: nel fine settimana il direttore dei trasporti ginevrino Luc Barthassat ha annunciato di voler introdurre un divieto temporaneo alla circolazione per i veicoli a diesel più vecchi. Nel frattempo, secondo la recente analisi del servizio di confronto internet comparis.ch, la diminuzione di popolarità dei veicoli diesel si è fatta sentire in maniera drastica anche nel mercato dell’auto.

Le auto diesel vengono cercate il 30 per cento in meno

Nel 2018 la domanda di veicoli a diesel (nuovi e d’occasione) nell’Automercato di comparis.ch ha registrato il record più basso di sempre. A gennaio 2015, il 66 per certo delle ricerche di veicoli effettuate in base al carburante era rivolto alle motorizzazione a gasolio, mentre a gennaio 2018 la quota raggiungeva ormai solo il 46 per cento (su un totale di 438’717 richieste). Si tratta di un calo del 30 per cento. Nello stesso periodo di tempo la domanda di autovetture a benzina è aumentata del 49 per cento.

Crollo netto indotto dalla stampa

Quando nell’ottobre 2015 è stato reso noto lo scandalo del diesel che ha travolto la Volkswagen, le ricerche di veicoli nell’Automercato di Comparis hanno subito una prima decisa perdita del 10 per cento. In seguito, le ricerche non hanno mai più raggiunto i volumi degli anni precedenti.

Dopo una tendenza in continua discesa, nell’agosto 2017 si è verificato un nuovo brusco crollo del 12 per cento. «Questo calo è da ricondurre chiaramente alla sentenza del 29 luglio 2017 quando, per la prima volta, il tribunale amministrativo di Stoccarda ha autorizzato, in linea di massima, i divieti di circolazione per determinate auto a diesel in Germania» spiega Harry H. Meier, esperto di mobilità presso Comparis.

L’incertezza giuridica suscita insicurezza

Dopo l’attuale livello minimo, l’esperto Meier si aspetta nei prossimi mesi un nuovo calo della domanda e afferma: «Il motivo è la mancanza di chiarezza sulla situazione giuridica». In Germania, a partire da aprile 2018 sono previsti divieti di transito temporanei e locali per i veicoli messi in circolazione prima del 2011 e da settembre 2019 potrebbero essere introdotte anche limitazioni per le vetture prodotte tra il 2011 e il 2015. Le auto immatricolate a partire dal 2015 non sembrano, per il momento, essere oggetto di possibili divieti. «Questa incertezza genera a sua volta insicurezza nei potenziali acquirenti» sostiene Meier. 

Al momento nessuno sa se i possibili divieti in Germania riguarderebbero anche le auto con targa straniera. Ecco il consiglio dell’esperto per i conducenti svizzeri di auto a diesel in relazione alle limitazioni in programma: «Chi possiede un’auto o intende acquistarne una, dovrebbe verificare che il veicolo soddisfi la classe ambientale Euro 6. In genere questo è il caso delle auto costruite a partire da gennaio 2015. Attualmente tali vetture non sembrano essere minacciate dai rigidi divieti».

Metodologia

L’analisi dei dati relativi alla richiesta di utilitarie a diesel si basa su un totale di oltre 60 milioni di ricerche di veicoli effettuate su comparis.ch nel periodo di tempo che va da gennaio 2015 a gennaio 2018. Con oltre 200’000 veicoli nuovi e usati comparis.ch raccoglie la maggiore offerta online di auto a livello svizzero.

Link di approfondimento
https://www.comparis.ch/carfinder/default

 

Esperto di mobilità al Salone dell’auto di Ginevra
L’esperto di mobilità di Comparis Harry H. Meier è presente al Salone internazionale dell’auto di Ginevra il 6 e il 7 marzo 2018, giornate dedicate alla stampa, ed è a disposizione dei media per dichiarazioni e valutazioni: cell. 079 237 81 07.

 

Ulteriori informazioni
Harry H. Meier

Esperto di mobilità

Telefono: 044 360 53 91

E-mail: media@comparis.ch

comparis.ch

 

 

Contatto

Relazioni con i media
Tel +41 44 360 53 91
E-Mail media@comparis.ch

Documentazione