I tassi d’interesse ipotecari risalgono

comparis.ch: il Barometro Ipoteche nel quarto trimestre 2016

Rimonta degli interessi delle ipoteche a tasso fisso.

Dopo i minimi storici dei tassi per le ipoteche a tasso fisso, toccati lo scorso autunno, sembra ora essere arrivato il momento della svolta di tendenza sul mercato ipotecario. I tassi ipotecari per le ipoteche a tasso fisso sono aumentati nel quarto trimestre del 2016 e si trovano adesso allo stesso livello della primavera dell’anno scorso.

 

Zurigo, 12 gennaio 2017 – Nel quarto trimestre 2016 c’è stata una rimonta degli interessi delle ipoteche a tasso fisso. Rispetto al trimestre precedente le ipoteche della durata di dieci anni sono tassate con un interesse di 0,2 punti percentuali in più e presentano quindi un tasso dell’1,62 per cento. La domanda di lunghe durate ha continuato ad accentuarsi a scapito delle durate brevi e medie. Questo è quanto emerge dall’ultimo Barometro Ipoteche di comparis.ch.

 

Svolta dei tassi all’orizzonte

Oltre ai tassi delle ipoteche a tasso fisso di dieci anni anche i tassi di riferimento delle ipoteche a tasso fisso di cinque anni sono saliti leggermente in confronto allo scorso trimestre, passando dall’1,08 all’1,14 per cento. I tassi di riferimento delle ipoteche a tasso fisso di un anno permangono su un livello di circa l’1 per cento.

Nonostante la leggera tendenza alla risalita dei tassi d’interesse ipotecari dopo le elezioni presidenziali americane e dopo il rialzo dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve a dicembre, sul medio termine in molti si attendono piuttosto un movimento trasversale dei tassi ipotecari. «I tassi di riferimento non aumenteranno di molto nei prossimi mesi. Per di più, al momento attuale, non c’è niente che lasci pensare che la Banca centrale europea limiti o addirittura interrompa il programma di acquisto di titoli di Stato» dichiara l’esperto del settore bancario Marc Parmentier. Per la Banca Nazionale Svizzera non c’è quindi alcun margine di manovra per l’aumento dei tassi, a meno che non voglia prendere in considerazione un ulteriore rafforzamento del franco svizzero.

 

 

Le lunghe durate dominano il mercato

La domanda di lunghe durate ha continuato ad accentuarsi anche nel quarto trimestre, mentre le durate brevi e medie sono state richieste meno. Nello scorso anno quindi la quota delle lunghe durate è aumentata da circa il 76 a circa l’88 per cento. Nello stesso lasso di tempo la quota delle durate medie è scesa dal 21 all’odierno 11 per cento. Le durate brevi, con una quota ormai dell’1 per cento, sono quasi in estinzione.

La predominanza delle lunghe durate non sorprende di fronte a tassi ipotecari ancora così bassi. «A quanto pare chi intende stipulare un’ipoteca parte dal presupposto che i tassi continueranno ad aumentare e coglie adesso l’occasione di beneficiare il più possibile di condizioni di tasso così allettanti» afferma Parmentier.

 

» Confrontare ora le ipoteche


Redazione specializzata


« Panoramica di tutte le novità

Questo potrebbe interessarle...

Ipoteche

Offerte personalizzate a condizioni preferenziali.

Ipoteche

Panoramica degli attuali tassi ipotecari.


Pubblicità

Login

Annullare

Lei è un nuovo utente - Registrarsi

Password dimenticata?