Cambio assicurazione

Perché non fa fede il timbro postale?

CONSIGLIO
|
Dato che il timbro di ricezione è determinante, sarebbe meglio inviare la lettera di disdetta con un po’ di anticipo.

Gli assicurati che vogliono cambiare cassa malati e risparmiare sui premi, quest’anno possono farlo. La lettera di disdetta deve tuttavia pervenire all’assicuratore entro il 30 novembre. Con il nostro modello già pronto, la disdetta si prepara in un batter d’occhio.

Meglio non aspettare l’ultimo momento per preparare la disdetta scritta, ma inviarla per tempo. Per la disdetta dell’assicurazione di base obbligatoria, infatti, fa fede il timbro di ricezione della cassa e non il timbro postale.

L’assicurazione deve comunicare i nuovi premi al più tardi entro il 31 ottobre e la disdetta scritta deve pervenire all’assicuratore al massimo entro il 30 novembre. Il 1° dicembre è già troppo tardi. Tra l’altro questo termine di disdetta vale indipendentemente dal fatto che i premi siano aumentati, diminuiti o rimasti uguali. Visto che non è possibile prevedere eventuali ritardi, è consigliabile inviare la disdetta già a metà del mese o al più tardi il 28 novembre per raccomandata, in modo da avere le prove di una disdetta nei termini.

Se qualcosa dovesse andare storto, in caso d’emergenza è anche possibile portare la lettera di persona presso la cassa malati, ricordandosi di farsi confermare la consegna.

Grazie al nostro modulo online gratuito può creare la sua lettera di disdetta in tutta semplicità.

Il nostro consiglio è inviare la disdetta per raccomandata. Non bisogna poi dimenticare che, per poter rescindere il contratto di assicurazione malattia, tutte le fatture dei premi mensili e delle partecipazioni ai costi (franchigia e quota parte) devono essere state saldate. Tutte le fatture devono essere pagate prima del 31 dicembre.

È importante ricordare che i genitori non sono obbligati ad affiliare i propri figli presso la loro stessa cassa malati. Anche se con casse malati separate il dispendio amministrativo è maggiore e non si può approfittare di un eventuale sconto famiglia, nel complesso è comunque possibile risparmiare molto denaro.

La cassa malati precedente comunicherà alla nuova l’avvenuta disdetta, a patto che sia già stato stipulato un nuovo contratto. Non c’è quindi assolutamente da preoccuparsi di rimanere senza copertura o di pagare premi doppi. La scelta della nuova assicurazione di base non deve quindi essere presa in tutta fretta già entro il 30 novembre, ma si ha tempo fino al 30 dicembre. 

Sulla nostra pagina offriamo maggiori informazioni sui termini di disdetta dell’assicurazione di base e complementare. 

Se non ha ancora confrontato i premi per il prossimo anno può farlo subito gratuitamente e in tutta semplicità. Con un semplice clic le casse malati le inviano offerte gratuite in PDF direttamente per e-mail. 

Confrontare ora i premi