Salute e prevenzione

Scegliere l'ospedale: la metà degli svizzeri teme errori medici

STUDIO
|
Le complicazioni non possono essere escluse a priori.

Nessuno va volentieri in ospedale. A volte però non è possibile evitare la degenza e allora non resta che augurarsi di essere in ottime mani. comparis.ch ha deciso di indagare con un sondaggio su quali siano i criteri in base a cui i cittadini svizzeri selezionerebbero il loro ospedale ideale. Tra le altre cose emerge che agli svizzeri non interessano per nulla le cifre relative ai decessi evitabili (in tedesco) pubblicate dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Prima la buona notizia: la fiducia dei pazienti nei confronti degli ospedali svizzeri e dei loro medici è indiscutibilmente alta. Tuttavia, prima di andare sotto i ferri, meglio un’informazione in più che una in meno. Almeno questo è quanto è stato indicato dalla maggioranza degli intervistati, che poco tempo fa hanno preso parte al sondaggio di comparis.ch e dell’istituto di ricerche di mercato Innofact. Nonostante un alto grado di fiducia in generale, i partecipanti al sondaggio, comprensibilmente, non amano il pensiero di sottoporsi a un’operazione. Infatti, nonostante gli ospedali svizzeri dimostrino un livello qualitativo molto alto, le complicazioni o gli errori medici in sala operatoria non possono mai essere esclusi a priori. Questo dato di fatto emerge anche dalle valutazioni statistiche dell’UFSP, che effettua un conteggio sui tassi di mortalità, infezioni ed errori e ne pubblica i dati finali. I risultati sono comunque di difficile interpretazione per chi non è esperto del settore.

Il rischio di errori medici

Con i rischi ospedalieri gli intervistati hanno atteggiamenti diversi: circa la metà non teme affatto gli errori medici e preferisce non pensare ai rischi, mentre l’altra metà ha paura. I partecipanti al sondaggio si informano principalmente dal medico di famiglia, dallo specialista oppure su piattaforme internet che trattano la tematica, come comparis.ch.

Tassi di mortalità: lontano dagli occhi lontano dal cuore

La frequenza con cui insorgono complicazioni in un determinato ospedale viene definita da statistiche pubbliche. E gli intervistati dimostrano di voler avere queste informazioni. Tuttavia, è interessante che quando si tratta del tasso di mortalità la prospettiva cambia di 180 gradi: la maggior parte non vuole infatti pensare al numero dei decessi.

Se si escludono le complicazioni, che sono anche piuttosto rare, in un ospedale si può anche stare bene. Comparis ha raccolto informazioni anche su quali siano gli elementi immancabili per stare bene in ospedale. E su questo frangente emerge ancora una volta quanto siano importanti per i pazienti i fattori interpersonali: quasi tutti gli intervistati affermano che la gentilezza di medici e personale sanitario ha un enorme influsso sul benessere in ospedale.

Niente scuse: si deve parlare la lingua del luogo

Gli intervistati sono d’accordo anche nell’esigere che i medici e il personale sanitario abbiano sufficiente conoscenza della lingua locale. Inoltre, l’ambiente di lavoro e il cibo sono considerati altri due importanti elementi per sentirsi a proprio agio. La maggior parte delle persone intervistate rimane comunque su livelli realistici: Gli standard di hotel a cinque stelle non sono richiesti da un ospedale, conferma il 60 per cento.

 

____________________________________________________________________________

Assicurazione complementare ospedaliera?

Le assicurazioni complementari ospedaliere sono molto diffuse. L'obiettivo è di dare maggiore possibilità di scelta per la degenza nel reparto privato o semprivato, in una stanza singola o doppia. I pazienti vengono operati con trattamento privilegiato dal primo assistente, dal primario o da un medico indipendente. L'assicurazione complementare ospedaliera reparto comune in tutta la Svizzera copre i costi aggiuntivi se le cure nell'ospedale desiderato sono più care rispetto a quelle del cantone di domicilio, ma sono offerte anche nel cantone di domicilio. 

Assicurazione complementare ospedaliera