TV e streaming

TV digitale: l’offerta gratuita di UPC Cablecom

CONSIGLIO
|
Basta infilare la spina nella presa e il gioco è fatto: senza abbonamento e senza tasse supplementari. Foto: Thinkstock

Molti clienti non lo sanno, ma UPC Cablecom ha lanciato un’offerta digitale di base, senza contratto e senza costi aggiuntivi.

Da circa un anno, il principale gestore svizzero di reti via cavo, UPC Cablecom, propone un’offerta digitale di base. Nello specifico, ciò significa che si potranno visualizzare circa 60 canali digitali senza dover sottoscrivere un abbonamento e senza installare nessun ricevitore nel proprio salotto. Ci sono comunque anche altri gestori di reti via cavo che offrono un’offerta digitale di base.

Offerta di base con canali HD
Basta inserire la spina nella presa, avviare la ricerca automatica di canali digitali e guardare la televisione. Alcuni apparecchi richiedono informazioni aggiuntive per la ricerca automatica digitale. Sul sito web di UPC Cablecom sono disponibili tutte le informazioni necessarie.

L’offerta digitale di base di UPC Cablecom include numerosi canali normali, tra cui anche molti canali oscurati negli anni passati. Alcuni canali possono essere trasmessi anche in HD: tra questi vi sono per esempio i canali regionali di ARD o i canali sportivi come Eurosport o Sport 1. Inoltre, è possibile vedere anche programmi in lingua straniera, ma la scelta è piuttosto limitata.

Scegliere il televisore adatto
Per poter ricevere l’offerta digitale di base è necessario utilizzare un moderno televisore con ricevitore DVB-C integrato. Molti degli apparecchi acquistati negli ultimi anni ne sono già dotati.

A seconda delle necessità, gli abbonamenti di TV digitale "normale" sono la soluzione migliore: vanno bene per chi desidera guardare dei canali in più, registrare programmi o guardare film su richiesta.

Del resto, questa offerta digitale di base non è gratuita. Per il collegamento via cavo la spesa mensile è di circa 30 franchi. Tuttavia, la maggior parte dei clienti non paga il collegamento direttamente, ma lo versa al padrone di casa insieme alle spese di riscaldamento, luce e acqua sotto la voce costi supplementari. Per questo motivo molti non sono a conoscenza di queste spese.