Animali domestici

Pasqua: rischio intossicazione per gli amici a quattro zampe

INFO
|
Il carlino pasquale non si immagina quale pericolo si nasconda nell'uovo... Foto: iStock / Capuski

Nella dolcezza delle uova di Pasqua, incartate in confezioni sgargianti e allegre, si nasconde in realtà un pericolo mortale: la teobromina, una sostanza che anche solo in piccole quantità può risultare velenosa per i cani e i gatti.

Nonostante il nome della sostanza derivi dal greco theós ‘dio’ e brôma ‘cibo’, il cibo degli dei è, in realtà, un alimento letale per i nostri cuccioli.

Morte da cioccolato anche solo con piccole quantità

Se un carlino di sette chili (Foto: istock) ingerisce una mezza tavoletta di cioccolato fondente, potrebbe essere l’ultima cosa che mette sotto i denti. Il cioccolato fondente, infatti, con 16 mg al grammo, contiene più teobromina della cioccolata al latte (2,3 mg/g). Diversamente dagli umani i quadrupedi non dispongono dell’enzima in grado di elaborare il composto di teobromina contenuto nel cacao. 

Già 6,25 grammi di cioccolato fondente al chilo possono così mettere in pericolo la vita di un cane o di un gatto. In un lasso di tempo che va dalle 2 alle 12 ore il battito cardiaco e la pressione dell’animale salgono in maniera inarrestabile. Maggiore è la dose ingerita peggiori sono i sintomi. Aritmie cardiache, blocco del respiro: morte.

Il pericolo è già nell’incarto

In realtà, prima ancora di arrivare al cioccolato, a rimanere letteralmente nello stomaco del nostro cucciolo è già l’incarto. L'alluminio può infatti ostruire il piloro e scatenare un'intossicazione da alluminio. 

Consiglio di Comparis - Se possibile cercate di nascondere gli ovetti di cioccolato fuori dalla portata degli animali domestici, ad esempio in armadi o cassetti chiusi o comunque in spazi non accessibili ai vostri amici a quattro zampe. Per chi non ha gatti, le uova possono essere nascoste anche sugli alberi, sopra agli armadi o nelle grondaie. 

Se, nonostante gli accorgimenti, i cuccioli amanti dei dolci dovessero comunque riuscire ad acchiappare gli ovetti di cioccolato, controllate la quantità ingerita. Conviene indurre l’animale al vomito. Somministrare carbone vegetale può aiutare il cucciolo ad espellere la teobromina introdotta. In caso di dubbio, la cosa migliore da fare è comunque cercare un veterinario. Per limitare i costi del veterinario consigliamo un’assicurazione animali. A seconda dell'offerente, un cane può essere assicurato già a partire da 10 franchi al mese e un gatto da 5 frachi al mese.