Abitare e vivere in Svizzera

Adattarsi in fretta e sentirsi a proprio agio


Ecco spiegato in tre mosse come trovare una nuova casa, in genere cosa implica avere un appartamento in Svizzera e se nel canone d’affitto sono comprese anche le spese accessorie. Qui si può inoltre scoprire quale ruolo svolgono le tasse nella scelta del cantone di domicilio.

Trovare l’abitazione adatta in tre mosse



1. Cercare – Il Mercato Immobiliare di comparis.ch raccoglie tutti gli annunci che vengono pubblicati sui principali portali immobiliari svizzeri. La invitiamo a creare un abbonamento di ricerca con i suoi criteri personali. Come regola generale per calcolare il budget di spesa, il canone d’affitto, incluse le spese aggiuntive e il parcheggio, non dovrebbe superare un terzo del reddito netto.

2. Visitare – Nessuno ama comprare o affittare a scatola chiusa. Se si è interessati a un appartamento conviene sempre andarlo a visitare. Se possibile, conviene usufruire del primo appuntamento possibile per le visite. Gli appartamenti migliori e più vantaggiosi vanno via in fretta.

3. Candidarsi – L’appartamento visitato corrisponde esattamente alle aspettative e il proprio istinto dice che è la scelta giusta? Allora bisogna candidarsi subito! Le candidature vengono elaborate di solito in base all’ordine di arrivo. Se l’affittuario è presente al momento della visita, si può anche portare la documentazione quando si va a vedere la casa e consegnarla di persona. Altrimenti è bene inviarla per posta o per e-mail.

Di seguito elenchiamo i documenti necessari per candidarsi per un appartamento:

  • modulo di candidatura compilato (vedere sotto)
  • estratto dal registro delle esecuzioni aggiornato oppure certificato di carichi pendenti e procedimenti penali italiano
  • lettera di candidatura personalizzata: si possono aumentare le proprie chance spiegando in una lettera breve e concisa come mai si desidera proprio quell’appartamento e perché si è l’inquilino o l’inquilina ideale.

Importante da sapere

Alcuni affittuari indicano sul modulo di candidatura che l’aspirante inquilino è tenuto a pagare una tassa se non firmerà il contratto d’affitto preparato appositamente. Tuttavia in questo caso, secondo l’Associazione svizzera inquilini, non si deve pagare nessun risarcimento anche se è stato firmato il modulo di candidatura.

Standard abitativi in Svizzera



In Svizzera gli inquilini godono di standard abitativi relativamente alti. In generale sia gli appartamenti in affitto sia gli appartamenti di proprietà sono dotati di tutti i comfort. Di solito un appartamento svizzero tipico comprende:

  • cucina incorporata – non si può né si deve portare la propria cucina nel nuovo appartamento;
  • lavanderia con lavatrice – di solito si condivide una lavatrice con gli altri inquilini dell’edificio, in quanto non è molto comune avere un collegamento per la lavatrice in casa;
  • pulizia scrupolosa prima di trasferirsi nell’appartamento – il predecessore è tenuto a consegnare l’appartamento perfettamente pulito;
  • piccoli lavori di ristrutturazione – prima del passaggio dell’appartamento di solito vengono fatti piccoli lavori di ristrutturazione, ad esempio si deve ridare il bianco se le pareti sono molto sporche. L’inevitabile usura dell’appartamento è normale ed è già calcolata nel canone d’affitto. Se però l’appartamento presenta problemi considerevoli o un’usura esagerata, le relative spese sono a carico dell’inquilino. Consigliamo quindi di verificare lo stato dell’appartamento prima di firmare il contratto e di stipulare un’assicurazione mobilia domestica e responsabilità civile.

Composizione del canone d’affitto



Il canone d’affitto lordo si compone in Svizzera del «canone d’affitto netto» e delle «spese accessorie». Tra le spese accessorie in genere rientrano:

  • costi per riscaldamento e acqua calda
  • pulizia scale
  • oneri per fognature
  • corrente elettrica.

A volte viene inviata una fattura separata per le spese accessorie, ma è ammessa solo se concordata nel contratto d’affitto.

Differenze di imposte a livello cantonale



L’onere fiscale in Svizzera varia da cantone a cantone. Chi vuole risparmiare, quindi, farebbe bene a scegliere un cantone di domicilio che presenta un carico fiscale ridotto. Infatti, per il calcolo delle imposte non è rilevante il posto dove si lavora, bensì il luogo in cui si abita. Ciò vale sia per le imposte normali sia per le imposte alla fonte. Perciò conviene sicuramente confrontare. 

comparis.ch mette a disposizione il calcolatore di imposte alla fonte proprio per questo motivo.

Se invece si è soggetti a imposte normali (a partire da un reddito annuale di 120’000 franchi oppure con un permesso C) è possibile anche confrontare le imposte regolari con il calcolatore di imposte.

Telefonia


 

Come si fa a scegliere l’operatore telefonico migliore? Confrontando! In generale le offerte prepagate sono un po’ più vantaggiose dei contratti (quando si stipula un contratto in Svizzera si parla di «abbonamento»). I leader del mercato svizzero, ovvero Swisscom, Sunrise e Salt, sono tendenzialmente cari. Alternative più vantaggiose, in particolare per chi naviga molto, possono essere le offerte prepagate dei grandi rivenditori come Migros (M-Budget), Aldi o Coop, che utilizzano rispettivamente la rete di Swisscom, Sunrise e Salt.

Con molti operatori è possibile acquistare opzioni vantaggiose per telefonare all’estero.

 

comparis.ch offre aggiornamenti in tempo reale su sviluppi e offerte del mercato della telefonia.