Risparmiare nel pilastro 3a: versare 100 franchi e ottenere un rendimento del 36%

Analisi di Comparis: ingenti risparmi fiscali anche con versamenti di piccoli importi nel pilastro 3a


 

Un’analisi di comparis.ch mostra che, investendo nel pilastro 3a, si possono ottenere rendimenti tra il 19 e il 36% anche versando piccoli importi. Un versamento di 100 franchi genera un utile da 19 a 36 franchi. I guadagni più alti si ottengono nella Svizzera romanda, i più bassi nel cantone Obvaldo. 

 

Zurigo, 29 novembre 2018 – Nel pilastro 3a, il vero rendimento non risiede nella distribuzione degli interessi o nel rendimento del capitale per il deposito titoli. Un’analisi condotta dal servizio di confronto online comparis.ch mostra che i risparmi fiscali derivanti dai versamenti nel pilastro 3a si traducono in un utile medio del 19-36% sull’importo versato. Anche con importi bassi da 100 a 1’000 franchi si possono ottenere tassi di profitto a doppia cifra nel pilastro 3a. Lo studio ha esaminato il potenziale di risparmio fiscale nei 26 capoluoghi cantonali per importi di 100, 300, 500 e 1’000 franchi. Come base è stata presa una persona single, senza confessione religiosa, senza figli e con un reddito imponibile di 100’000 franchi.

 

Rendimento elevato anche con piccoli importi

 

Di fatto, a seconda del cantone, la persona presa a campione da Comparis ottiene un risparmio fiscale tra i 194 e i 361 franchi con un unico versamento di 1’000 franchi nel pilastro 3a, il che corrisponde a un rendimento del 19-36%. i titolari di una soluzione 3a traggono benefici anche dal versamento di un piccolo importo di 100 franchi.

 

«Chi paga 100 franchi all’anno nel pilastro 3a per 40 anni a un tasso d’interesse medio dello 0,5%, alla fine ha risparmiato circa 4’500 franchi. A ciò si aggiunge il puro risparmio fiscale ottenuto nel canton Zurigo per un totale di 1’160 franchi» afferma Frédéric Papp, esperto finanziario di Comparis. Dopo aver versato per 40 anni l’importo massimo attualmente in vigore di 6’768 franchi, nel Canton Zurigo si ottiene addirittura un risparmio fiscale netto di 71’000 franchi.

 

Grandi differenze regionali

 

Gli abitanti di Sion, capoluogo del cantone Vallese, godono del massimo vantaggio fiscale. Lo Stato premia un versamento di 100 franchi nel pilastro 3a con un credito d’imposta di 36 franchi, da cui risulta quindi un rendimento del 36%.

 

Dei cantoni con i crediti d’imposta più elevati fanno parte anche gli altri cantoni della Svizzera romanda, oltre a Basilea-Campagna e Berna. Con versamenti annui a scelta di 100, 300, 500 e 1’000 franchi, il rendimento medio oscilla tra il 32 e il 36%.

 

I contribuenti di Obvaldo ricevono il rendimento più basso con una media del 19,3%. Nella parte inferiore della tabella compaiono i cantoni della Svizzera centrale, tra cui Appenzello Interno, dove il range si estende dal 19 al 24%. 

 

Il segreto sta nell’aliquota fiscale minima

 

L’effetto del risparmio fiscale dipende dall’aliquota fiscale minima individuale, che indica l’entità dell’onere fiscale sugli ultimi 100 franchi da guadagnare. «La nostra ricerca dimostra che, malgrado il basso livello dei tassi d’interesse, con i risparmi fiscali legati al pilastro 3a è possibile ottenere rendimenti incredibilmente elevati. Nei cantoni con imposte elevate è particolarmente conveniente investire nel terzo pilastro» afferma Papp.

 

Per sfruttare le agevolazioni fiscali per il 2018, è possibile effettuare versamenti nel pilastro 3a entro la metà di dicembre. Sia le banche che gli assicuratori offrono soluzioni di questo tipo.

 

Prezzo da pagare per l’elevato rendimento

 

I rendimenti relativamente elevati, tuttavia, hanno un prezzo. Le prestazioni in capitale del pilastro 3a si possono percepire al più presto cinque anni prima del raggiungimento dell’età pensionabile ordinaria, ad eccezione dei seguenti cinque casi:

 

1.     acquisto di una proprietà ad uso abitativo;

2.     riscatto nel secondo pilastro;

3.     riscossione di una rendita d’invalidità intera senza assicurazione del rischio d’invalidità;

4.     avvio di un’attività lucrativa indipendente come occupazione principale;

5.     emigrazione.

 

Sui prelievi del pilastro 3a per la cosiddetta imposta sul versamento del capitale viene inoltre applicata un’aliquota ridotta. Per calcolare questa tassa, i singoli cantoni utilizzano sistemi di calcolo e tariffe differenti. Un’analisi di comparis.ch (link al fondo) mostra che, anche con averi di importi modesti nel pilastro 3a, è comunque vantaggioso suddividere i fondi in più conti ed effettuare prelievi scaglionati. Chi vuole anche compensare questa perdita di rendimento tramite l’imposta sul versamento del capitale, investe continuamente il risparmio fiscale ottenuto ogni anno in modo fruttifero.

 

 

 

 

Metodologia
comparis.ch ha calcolato il risparmio fiscale in 26 cantoni sulla base di un versamento nel terzo pilastro 3a per importi di 100, 300, 500 e 1’000 franchi. Per ogni cantone sono stati scelti i capoluoghi. È stato utilizzato il calcolatore fiscale di Credit Suisse per calcolare l’imposta relativa a una persona single senza figli, senza confessione religiosa e con un reddito imponibile di 100’000 franchi.

 

 

 

Link di approfondimento: Studio di Comparis in caso di ripartizione del patrimonio 3a su vari conti

 

 

 

Ulteriori informazioni

Frédéric Papp

Esperto Finanze

Telefono: +41 44 360 34 30

E-mail: media@comparis.ch

comparis.ch

 

 

Chi è comparis.ch

Con oltre 80 milioni di visite all’anno, comparis.ch è uno dei siti web svizzeri più utilizzati. La ditta confronta tariffe e prestazioni di casse malati, assicurazioni, banche e gestori di telefonia e presenta la più grande offerta online di auto e immobili in Svizzera. Grazie ad ampi confronti e valutazioni esaustive, Comparis porta trasparenza sul mercato, rafforzando così il potere decisionale dei consumatori. Fondata nel 1996 dall’economista Richard Eisler, l’impresa con sede a Zurigo oggi conta circa 180 dipendenti.

 

Contatto

Relazioni con i media
Tel +41 44 360 53 91
E-Mail media@comparis.ch