Gli introiti della tassa sui cani sono aumentati di oltre il 50% in dieci anni

Comparis analizza le tasse sui cani in Svizzera


Lo stato ha scoperto i proprietari di cani: in dieci anni, gli introiti della tassa sui cani sono aumentati di oltre la metà, per un totale di più di 50 milioni di franchi. Questo è quanto emerge da un’analisi di Comparis. Nel comune di Uster, i proprietari di cani sono arrivati a pagare quasi il triplo della tassa applicata a Bellinzona. A Basilea l’imposta diventa particolarmente salata per chi possiede un secondo cane.

Zurigo, 28 novembre 2019 – Il servizio di confronto internet comparis.ch ha analizzato la tassa sui cani nei capoluoghi dei cantoni e nelle maggiori città della Svizzera. I risultati mostrano differenze enormi. La tassa sul primo cane varia dai 70 franchi di Bellinzona ai 200 franchi di Uster. Ma in termini di generosità nei confronti dei proprietari di cani non brillano neanche Winterthur, Zurigo e Glarona.

«Evidentemente alcuni comuni cercano di controllare la popolazione canina con una tassazione progressiva sui cani. Spesso applicano una tariffa doppia sul secondo cane», osserva Leo Hug, esperto di finanze presso Comparis. La situazione è particolarmente infelice a Basilea: per il secondo cane, il comune chiede 320 franchi. L’unico capoluogo che ha introdotto un ulteriore balzello per il terzo cane è Ginevra, dove il primo cane costa 107 franchi all’anno, il secondo 147 e il terzo 207 (più 5 franchi ciascuno per spese varie).

Esente dalle tasse la maggior parte dei cani con compiti speciali

L’imposta non riguarda comunque tutti i cani. Di norma sono esentati i cani antivalanga e i cani da catastrofe, così come i cani di servizio e quelli che accompagnano i disabili. Molti comuni prevedono agevolazioni per i cani da guardia delle fattorie. Lucerna, ad esempio, offre uno sconto per i cani che proteggono le case isolate.

Forte aumento delle entrate fiscali

Negli ultimi anni, il fisco ha decisamente stretto la morsa sui proprietari di cani. Nel 2017, cantoni e comuni hanno incassato 50,5 milioni di franchi tramite l’imposta sui cani. Dieci anni prima la cifra era di appena 33,2 milioni di franchi. Si tratta perciò di un aumento del 52%. «Questo non può dipendere dal numero dei cani, poiché nello stesso arco di tempo la popolazione canina è cresciuta solo del 12%, arrivando così a un totale di 551’000 cani. Il carico aggiuntivo imposto da comuni e cantoni ai possessori di cani negli ultimi dieci anni è esagerato», afferma l’esperto di Comparis.

Nel contesto delle rispettive linee guida cantonali, i comuni possono applicare imposte sui cani, le quali vengono in parte utilizzate per lo smaltimento separato degli escrementi canini, pratica ormai comune da vent’anni. Possono tuttavia servire anche per scopi che con i cani non hanno nulla a che vedere. I comuni devono poi versare ai cantoni una parte degli introiti derivanti da questa tassa, che nel 2017 è stata pari a 10,1 milioni di franchi o al 20%. Sfortunatamente non sono disponibili dati più recenti.

Nel Giura la più alta densità di cani

Che effetto hanno queste tasse sulla densità della popolazione canina? Il canton Basilea Città è all’ultimo posto per quanto riguarda la concentrazione di cani, con un animale ogni 38,4 persone, e ha una tassa sui cani relativamente alta. Anche il canton Zurigo impone tasse elevate per i possessori di cani e presenta una densità canina relativamente bassa di uno ogni 25,3 abitanti.

Una simile proporzione uomo/cane si registra a Nidvaldo (25,5) e Zugo (25,9), ma in questi cantoni le tasse sui cani sono in media più basse. Anche nel canton Uri sono relativamente pochi i cani, uno ogni 22,6 persone, nonostante una tassazione tra le più modeste. «L’amore per i cani sembra seguire altre leggi al di là del regime fiscale», conclude Hug. A dimostrare il massimo dell’affetto per i fedeli compagni a quattro zampe è il Canton Giura, con un cane ogni 7,8 abitanti.

Metodologia

Per il suo confronto fra le varie tasse, comparis.ch si basa sui siti internet dei comuni, e se necessario integra i dati chiedendo direttamente informazioni agli uffici interessati. Le informazioni relative alle statistiche sugli introiti delle tasse sui cani sono fondate sulla Statistica finanziaria dell’Amministrazione federale delle finanze, pubblicata il 05.09.2019.

Le tasse su comparis.ch

Quali tasse devono mettere in conto i cittadini svizzeri e stranieri in Svizzera? Ora gli utenti lo possono scoprire anche nell’analisi delle tasse condotta da comparis.ch (disponibile solo in tedesco). Qui trova informazioni su prezzi dei parcheggi, multe per chi viaggia senza biglietto, tasse per i cani ecc. Scopra subito come evitare spese eccessive.

https://www.comparis.ch/steuern/gebuehren/default (disponibile solo in tedesco).

Maggiori informazioni
Leo Hug
Esperto Tasse e contributi
Telefono: 044 360 34 30
E-Mail: media@comparis.ch
comparis.ch

 

Chi è comparis.ch
Con oltre 100 milioni di visite all’anno, comparis.ch è uno dei siti web svizzeri più utilizzati. L’azienda confronta tariffe e prestazioni di casse malati, assicurazioni, banche e gestori di telefonia e presenta la più grande offerta online di auto e immobili in Svizzera. Grazie ad ampi confronti e valutazioni esaustive, Comparis porta trasparenza sul mercato, rafforzando così il potere decisionale dei consumatori. Fondata nel 1996 dall’economista Richard Eisler, l’impresa con sede a Zurigo oggi conta circa 180 dipendenti.

 

Contatto

Relazioni con i media
Tel +41 44 360 53 91
E-Mail media@comparis.ch

Documentazione