Gli svizzeri, capaci di tutto per conquistare un appartamento

Il sondaggio Comparis sulla lotta di chi cerca un affitto


La ricerca di un tetto è assai difficile, soprattutto a Ginevra, Losanna e Zurigo. Solo presentandosi come inquilino perfetto si ha qualche possibilità di successo. Fumo, animali domestici, strumenti o altri hobby? Neanche a parlarne. Per questo quando si cerca casa si ricorre a qualche stratagemma: uno su sette ammette di aver già fornito informazioni false o incomplete su di sé almeno una volta. La maggior parte ha avuto buoni risultati e lo rifarebbe senza pensarci. Questi sono i risultati di un sondaggio rappresentativo del servizio di confronto internet comparis.ch.

Zurigo, 15 giugno 2017 – Il processo di candidatura per un appartamento assomiglia sempre più a quello per un nuovo posto di lavoro. Se non si presenta un dossier immacolato, tanto vale lasciar perdere. Il 38 per cento degli svizzeri in città conferma che trovare la casa dei sogni non è affatto semplice. Il 15 per cento, proprio per questo, ha già omesso almeno una volta un dettaglio scabroso nella candidatura per un appartamento. Alla maggior parte (78 per cento) è andata bene così, stando ai partecipanti, e l’80 per cento sottolinea che lo rifarebbe.

Ginevrini, losannesi e giovani sono i più bugiardi

Un buon 20 per cento di ginevrini e losannesi fanno sapere di aver fornito informazioni false o incomplete su di sé nel corso di una candidatura per un appartamento. Nella Svizzera tedesca regna più serietà: a Basilea si arriva al 16 per cento, a Zurigo al 13 e a Berna soltanto al 12 per cento. Oltre al Röstigraben, si svela un'altra differenza significativa: anche il 20 per cento dei giovani tra 18 e 39 anni ha affermato più spesso di ogni altro gruppo di età di aver taciuto o falsato qualche dettaglio. «Non è consigliabile fornire indicazioni false nella candidatura per un appartamento. A seconda della portata delle informazioni false, difatti, queste possono venire alla luce con il variare delle circostanze. Le piccole imperfezioni nel dossier dell'affittuario possono essere compensate da una buona impressione di persona durante la visita», assicura Nina Spielhofer, Portavoce Immobili e Abitare di comparis.ch.

Tenuta (in)formale per la visita?

Il 36 per cento degli interpellati dichiara di non prestare particolare attenzione ai vestiti per una visita in appartamento, scegliendo un look quotidiano. Il 32 per cento, invece, desidera fare un’impressione seria, scegliendo di vestirsi come per un colloquio di lavoro. Il 29 per cento punta su una tenuta sportiva elegante, curando l'abbigliamento più del solito. Soltanto il 3 per cento opta per abiti provocanti o sexy. Degno di nota è il fatto che l'abbigliamento serio ed elegante è più apprezzato a Losanna (46 per cento) e Ginevra (45 per cento). «In queste due città il processo di candidatura è percepito come più duro, per questo si punta sull'abbigliamento opportuno per lasciare una buona impressione anche nel corso della visita, proprio come in un colloquio di lavoro», spiega Nina Spielhofer, aggiungendo: «Una tenuta poco consona e un aspetto trascurato possono ridurre notevolmente le possibilità in un mercato immobiliare senza esclusione di colpi.»

Cercare casa a Ginevra, Losanna e Zurigo è una vera impresa

La via che conduce alla casa dei sogni è irta di rovi, stando a un terzo degli interpellati (38 per cento). Con il 53 per cento, a Ginevra più della metà degli interpellati asserisce che il processo di candidatura per l'appartamento in cui vive è stato duro. Seguono a ruota Losanna (47 per cento) e Zurigo (40 per cento). Ben più semplici appaiono le cose a Bienna (23 per cento), Winterthur (24 per cento) e Lucerna (27 per cento).

Metodologia

Il sondaggio rappresentativo è stato condotto nel maggio 2017 dall’istituto di ricerche di mercato Innofact, su incarico di comparis.ch, e ha coinvolto 1’011 inquilini nei nove maggiori centri della Svizzera tedesca e romanda.

 

Ulteriori informazioni
Nina Spielhofer
Portavoce Immobili e Abitare

Telefono: 044 360 53 91.
E-mail:
media@comparis.ch
www.comparis.ch

 

Chi è comparis.ch

Con oltre 20 milioni di visitatori all’anno, comparis.ch è uno dei siti web svizzeri più visitati. La ditta confronta tariffe e prestazioni di casse malati, assicurazioni, banche e gestori di telefonia e offre il più grande mercato online svizzero di auto e immobili. Grazie ad ampi confronti e valutazioni esaustive, Comparis porta trasparenza sul mercato, rafforzando così il potere decisionale dei consumatori. Fondata nel 1996 dall’economista Richard Eisler, l’impresa con sede a Zurigo oggi conta circa 150 dipendenti.

 

Contatto

Relazioni con i media
Tel +41 44 360 53 91
E-Mail media@comparis.ch

Documentazione