Trovare la giusta ditta di traslochi


Le imprese di trasloco possono offrire un valido aiuto quando si vuole cambiare casa. Tuttavia, se si decide di ingaggiare una ditta di questo tipo, ci sono alcune cose da tenere a mente.

Come trovo la ditta giusta?

Consiglio 1 – Un modo valido potrebbe essere quello di informarsi nella propria cerchia di amici oppure di cercare su internet. Se si vuole andare sul sicuro si può anche controllare se l’impresa è inserita nel registro di commercio svizzero, direttamente online su www.zefix.ch.

Consiglio 2 – Conviene invitare le ditte per una ricognizione nella vecchia casa per fare una stima di quanto lavoro e di quanto tempo è necessario pianificare e della grandezza del veicolo, in modo da poter così anche valutare i costi che ciò comporta.

Consiglio 3 – Richiedete offerte a diverse ditte e confrontate le proposte.

Consiglio 4 – Risparmiate tempo inserendo i vostri dati solo una volta sulla nostra piattaforma di confronto e ricevendo un’offerta da tante ditte di trasloco già sperimentate. Il prezzo infatti può variare molto a seconda delle distanze, ad esempio se si abita a Zurigo, la ditta scelta viene da Berna e deve trasportare i vostri mobili fino a San Gallo. Le piattaforme di confronto offrono un veloce strumento per paragonare le migliori varianti già preselezionate.

Ad esempio: per un appartamento di 3 locali di solito sono necessari tre persone e un mezzo di trasporto con almeno un volume di carico di 30 metri cubi. Se il team o il veicolo sono troppo piccoli alla fine non si risparmia, perché la durata del trasloco si prolunga.



Cosa dovrebbe comprendere l’offerta?

I costi dovrebbero essere calcolati in base a tariffa oraria, ma con un tetto massimo. Conviene invece meno fissare una cifra forfettaria.

Ad esempio: l’impresa di trasloco considera il carico di lavoro pari a 4-5 ore, ma il tetto di costi viene fissato a 8 ore. Di conseguenza la ditta non può mettere in conto più di 8 ore, anche se poi il trasloco dura 9 ore.

  • Appuntamento: data e ora
  • Indirizzo vecchio e nuovo
  • Numero di collaboratori, grandezza del veicolo
  • Stima della durata del trasloco (prima della partenza fino al ritorno al luogo della ditta di trasloco)
  • Tariffa oraria per ogni collaboratore
  • Calcolo delle pause (ad esempio 20 minuti ogni 4 ore); la pausa pranzo non viene considerata come tempo di lavoro, ma di solito la pausa di mezza mattina sì
  • Costi accessori come tasse di smaltimento, supplemento per i piani superiori, attrezzi supplementari, costi di vitto e IVA
  • Costi extra per materiali pesanti, come ad esempio un pianoforte o una cassaforte

Chi risponde per i danni durante il trasporto?

Assicuratevi che la ditta disponga di un’assicurazione responsabilità civile imprese e vettori. I premi di solito sono già considerati nei costi di trasloco.

Attenzione: non assumetevi la franchigia nel caso la ditta dovesse chiedervelo.

In caso di oggetti costosi da trasportare è consigliabile un’assicurazione trasporto merci. Questa paga a prescindere da chi ha provocato il danno e se questo è dovuto a negligenza o meno. Soprattutto se durante il trasloco sono coinvolti amici, questa assicurazione può essere consigliabile per evitare eventuali litigi. Tuttavia, il valore assicurato non è quello a nuovo, ma quello attuale.


Chi si occupa della pulizia finale?

Per quanto sia bello trasferirsi in un nuovo appartamento, prima di lasciare quello vecchio bisogna ancora occuparsi della pulizia finale. Tuttavia, se non si vuole fare tutto da soli, si può incaricare un’impresa di pulizie. Da notare che ci sono imprese di trasloco che offrono la pulizia finale a un prezzo aggiuntivo. Anche in questo caso conviene confrontare qualche offerta.


Come si effettua il pagamento?

Risulta ancora molto diffuso pagare il servizio svolto immediatamente dopo il trasloco. Se richiesto espressamente in anticipo, la maggior parte delle ditte di trasloco può emettera anche una fattura.

Consigliamo tuttavia di non versare nessun anticipo. Dato che una ditta seria non vi chiederebbe denaro in anticipo, il nostro consiglio in questi casi è scegliere un’altra impresa!


Cosa faccio in caso di problemi con la ditta di traslochi?

Se qualcosa durante il trasloco non dovesse andare secondo i piani, oppure non come volevate, ad esempio se dovessero verificarsi troppi danni, non siete tenuti a pagare sul posto.

Ciò vale anche nel caso in cui la ditta improvvisamente chieda più denaro di quello che era stato concordato. In tal caso è consigliabile pagare la somma pattuita. Conviene poi richiedere una ricevuta su cui possiate segnare tutto.

In caso di piccoli danni è possibile contrattare uno sconto sul posto.


Si paga una mancia?

Sono consigliabili 10 franchi per collaboratore per mezza giornata. La mancia non rientra nei costi aggiuntivi dell’offerta.