Giovani conducenti

Crash recorder: prova in caso di incidenti e premi più bassi

INFO
|
Al momento soltanto i giovani conducenti traggono vantaggio da premi più bassi in caso di installazione di un crash recorder o un registratore dei dati di guida. Foto: iStock / chinaface

Non di rado dopo una collisione scoppia anche una discussione: per evitare di litigare sulla responsabilità in seguito a un incidente, gli automobilisti possono dotare il proprio veicolo di un crash recorder.

Il crash recorder, definito anche scatola nera o registratore di dati di evento, memorizza gli ultimi 30 secondi prima di un incidente. Vengono registrati tutti i dati necessari per la ricostruzione dell’incidente, tra cui rientrano informazioni come accelerazioni, data e ora. L’assicurazione analizza manualmente i valori e ricostruisce la dinamica dell’incidente per chiarire più facilmente di chi è la colpa. La scatola nera cancella automaticamente tutti gli altri dati.

In Svizzera, attualmente, Axa Winterthur e Allianz offrono un crash recorder ai propri clienti e ai giovani conducenti fino a, rispettivamente, 24 e 29 anni viene anche riconosciuto uno sconto sul premio del 15 per cento. Non solo i giovani assicurati traggono vantaggio dalla piccola scatola montata sotto il sedile: secondo uno studio di Axa, i giovani conducenti con un crash recorder nella loro auto hanno causato il 15 per cento di incidenti in meno rispetto ai loro coetanei senza dispositivo. A credere che il crash recorder favorisca un comportamento di guida corretto è anche più del 50 per cento degli svizzeri, come mostra un sondaggio di Comparis. In linea di massima, il 66 per cento degli intervistati trova che il crash recorder possa fornire un contributo importante per la ricostruzione di incidenti e chiarire di chi è la colpa.  

Inoltre, secondo il sondaggio, circa uno svizzero su due non solo sarebbe disposto a installare un simile apparecchio, ma è addirittura a favore di un obbligo. Il 70 per cento, tuttavia, esige dal proprio assicuratore una ricompensa nella forma di una riduzione del premio, come già accade per i giovani conducenti. La propensione a installare un crash recorder nella propria auto è particolarmente elevata tra i conducenti over 50.

A partire dall’estate 2018 La Mobiliare offre ai giovani conducenti fino ai 25 anni un modello simile: un registratore dei dati di guida raccoglie di continuo dati sul comportamento di guida della conducente. In questo modo vengono documentati i chilometri percorsi, il tipo di guida (ad esempio la velocità) e vengono trasmessi all’assicurazione affinché siano valutati. Il modello assicurativo conosciuto sotto il nome «Pay How You Drive» calcola il premio del titolare dell’assicurazione in base allo stile di guida. In caso di guida «buona» la persona assicurata ottiene uno sconto sui premi, che presso La Mobiliare, a seconda dello stile di guida, varia dal 15 al 25 per cento.  

Installare un crash recorder o un registratore dei dati di guida? Se sei un neoconducente e stai cercando un’assicurazione per la tua auto, nel nostro confronto scopri quanto puoi risparmiare.