Crediti privati

Quasi una richiesta di credito su due proviene da cittadini stranieri

STUDIO
|
Un confronto di Comparis mostra che gli stranieri richiedono crediti più di frequente rispetto agli svizzeri. Foto: comparis.ch / mapodile

In Svizzera la popolazione straniera chiede un credito molto più spesso rispetto ai cittadini svizzeri. L’analisi di oltre 30’000 richieste di credito da parte di comparis.ch dimostra per la prima volta che in sette cantoni oltre la metà delle richieste di credito proviene da cittadini stranieri, anche se rappresentano solo un quarto della popolazione. Inoltre, i cinque maggiori gruppi etnici nel nostro paese chiedono un credito principalmente per acquistare un’automobile; questa è la motivazione più frequente per i francesi e meno frequente per i kosovari.

Quasi una richiesta di credito su due proviene da cittadini stranieri. Il 25 per cento dei cittadini stranieri ha acceso un piccolo credito. Tra gli svizzeri invece la percentuale scende a solo il 6 per cento. Nei cinque principali gruppi etnici in Svizzera (italiani, tedeschi, portoghesi, francesi e kosovari) il credito serve in primo luogo per acquistare un’automobile. In media, i cittadini di questi paesi chiedono prestiti per un importo di circa 24’000 franchi. Sono i tedeschi a richiedere gli importi più alti mentre la media più bassa è dei portoghesi. Gran parte dei kosovari e degli italiani fanno una richiesta di credito per saldare fatture e debiti.

Attenzione: chiunque chieda un credito in Svizzera deve dimostrare di avere condizioni di vita stabili. E fattori come entrate regolari e la tipologia del permesso di soggiorno giocano un ruolo molto importante.

Credaris, un servizio partner di Comparis, verifica il suo desiderio di credito in modo gratuito e non vincolante.

 

Questi articoli potrebbero interessarle

Le donne chiedono un credito per necessità, gli uomini per un’auto
Crowdlending: come funzionano i crediti senza banche