Elettricità / Acqua / Riscaldamento

Risparmiare energia in inverno: 11 consigli per la casa

CONSIGLIO
|
Non troppo freddo e non troppo caldo: la temperatura ottimale dell’ambiente si aggira tra i 18 e i 22 gradi. Foto: iStock / AndreyPopov

Questi 11 consigli in materia di riscaldamento, aerazione e illuminazione permettono di ridurre drasticamente il consumo di energia nel proprio appartamento.

Le temperature in discesa fanno aumentare i costi dell’energia. Seguendo questi 11 consigli è possibile ridurre le uscite senza battere i denti per il freddo.

1. Calcolare il potenziale di risparmio sui costi di riscaldamento

Ha la fattura del riscaldamento a portata di mano? Su testcostiriscaldamento.ch può calcolare il potenziale di risparmio energetico per il suo appartamento. A titolo indicativo, il fabbisogno energetico medio per il riscaldamento di un immobile rinnovato è compreso tra 7,5 e 12 franchi al metro quadro.

2. Controllare le finestre e le porte esterne

Anche un solo punto non ermetico da dove passa l’aria può raffreddare l’intero appartamento. È quindi importante controllare porte e finestre e sigillare al più presto eventuali punti da cui filtra l’aria.

3. Eseguire la manutenzione e la regolazione del riscaldamento

Prima dell’inizio dell’inverno è utile far eseguire da un esperto una perizia dell’impianto di riscaldamento. Ecco tutto ciò che deve essere fatto:

  • pulizia della caldaia;
  • regolazione corretta del bruciatore;
  • verifica delle impostazioni per la pompa di calore.

4. Mantenere la temperatura ambiente ideale

Riscaldando nel modo scorretto si spreca inutilmente energia. La temperatura ambiente ottimale si aggira tra i 18 e i 22 gradi, e non deve mai scendere al di sotto. Infatti, in caso contrario, gli ambienti diventano troppo freddi e si raffreddano anche pareti e mobili. L’aria nell’ambiente si riscalda soltanto quando viene acceso di nuovo il riscaldamento. E questo costa energia e denaro. Per ogni grado di temperatura in meno, si risparmia circa il 6% dei costi di riscaldamento. 

5. Non mettere ostacoli davanti ai termosifoni

I mobili posti davanti a un termosifone impediscono all’aria calda di diffondersi a sufficienza nell’ambiente. Per questo motivo non si dovrebbero mai sistemare mobili, in particolare un divano, davanti al calorifero.

6. Spurgare regolarmente i termosifoni

I termosifoni che gorgogliano consumano energia: a causa di aria nei tubi, l’acqua che trasporta energia sotto forma di calore non può circolare liberamente. Una volta rimossa l’aria i caloriferi scaldano più velocemente.

7. Arieggiare correttamente le stanze

Per ambienti ben arieggiati conviene spalancare del tutto le finestre per cinque minuti, piuttosto che tenerle socchiuse a lungo, perché in questo modo l’appartamento si raffredda senza un effettivo ricambio d’aria.

Sogna da tempo di cambiare la sua abitazione?

8. Cambiare l’aria almeno una volta al giorno

In casa è necessario cambiare l’aria regolarmente, almeno una volta al giorno, per impedire la formazione di muffa sul soffitto e sulle pareti. È inoltre consigliabile isolare con una coperta o un paraspifferi le porte che separano ambienti caldi e freddi.

9. Ottimizzare l’illuminazione

Nelle fredde e grigie giornate invernali non è soltanto il riscaldamento a lavorare a pieno regime, ma anche le lampade. Pertanto è opportuno regolare lampade e lampadine in modo ottimale. Le lampade a LED solo le più efficienti dal punto di vista energetico: anche se sono più costone delle sorgenti luminose convenzionali, offrono nel complesso prestazioni più convenienti. Anche i regolatori dell’intensità di illuminazione permettono di risparmiare energia. In caso dubbio è consigliabile rivolgersi a un negozio specializzato.

10. Spegnere la luce

Suona facile, eppure ben pochi lo fanno: spegnere la luce quando si esce da una stanza. Meglio utilizzare una luce mirata dove se ne ha bisogno invece di illuminare l’intera stanza dal soffitto.  

11. Utilizzare il bollitore

Per riscaldare l’acqua per fare un tè o preparare la pasta sarebbe meglio utilizzare un bollitore, perché impiega meno tempo rispetto a una piastra e consuma anche meno elettricità. 

 

Altri articoli interessanti

Con il buio arrivano gli scassinatori: ecco come proteggersi
Milioni di danni dovuti al furto di tavole: ecco come proteggere e assicurare gli sci