Consigli per lo shopping online


Acquistare online con successo

Dato che il diritto del consumatore per gli utenti di internet non è ancora ben definito è necessario tener conto di alcuni consigli sugli ordini online. comparis.ch ha raccolto le informazioni e i suggerimenti principali per poter acqusitare online con successo.

Che cosa bisogna tenere presente pagando con la carta di credito nei negozi online?
  1. Inserire i dati della carta sulla rete solamente se la connessione internet è garantita tramite SSL. È consigliabile una connessione SSL a 128 Bit.
  2. Documentare tutte le conferme di acquisto e di pagamento con un print screen e metterli da parte.
  3. Non eseguire ordinazioni con carta di credito da computer accessibili pubblicamente. I dati salvati nella cartella dei file temporanei del computer o del browser possono essere letti anche in seguito. Dopo l'ordinazione cancellare la traccia, il cache o il salvataggio temporaneo del computer.
  4. Al telefono non rispondere mai a domande sulle carte di credito.
  5. Utilizzare la protezione antivirus e firewall per proteggersi da attacchi di terzi. Anche i firewall integrati nel modem e nel router possono essere utilizzati per proteggersi da attacchi abusivi.
  6. Attivare nel browser la modalità di navigazione privata. In questo modo non verranno lasciate tracce sul PC. La cronologia, i cookies e i dati di internet temporanei non vengono salvati. Le modalità per la navigazione anonima vengono supportate dai browser Chrome, Internet Explorer, Safari e Firefox.
Metodi di pagamento sui negozi online
  • Pagamento tramite fattura: risulta essere una variante poco usuale per i negozi online. La fattura può essere pagata dopo aver ricevuto la merce.
  • Pagamento tramite carta di credito: è la variante più diffusa nei negozi online. Se si seguono i consigli per le transazioni tramite carta di credito, il metodo di pagamento è facile e sicuro. Inoltre, in seguito alla diffusione in aumento degli standard di sicurezza 3-D Secure, i pagamenti sono ancora più sicuri: oltre ai dati della carta di credito al momento del pagamento deve essere anche inserita una password personale. Il servizio 3-D Secure si chiama "SecureCode" presso Mastercard e "Verified by Visa" presso VISA. Tuttavia, nel caso dei pagamenti tramite carta di credito, potrebbero presentarsi costi di transazione dall'1,5 al 2 per cento, che però il negozio dovrebbe mostrare nel carrello durante il processo di pagamento. I pagamenti tramite carte di credito possono essere annullati a determinate condizioni. Le informazioni sono disponibili presso i rispettivi prestatari di carte di credito.
  • Spedizione in contrassegno: è la variante scelta da alcuni negozi online. La merce viene pagata alla consegna direttamente al postino oppure all'ufficio postale. Attenzione: nel caso di ordinazioni in contrassegno è da considerare anche una tassa che generalmente è a carico del cliente e viene aggiunta al prezzo di vendita al termine dell'ordinazione nel negozio online. I negozi online inseriscono questa tassa tra i costi di spedizine sulla loro homepage. Nella maggior parte dei casi la tassa per spedizioni in contrassegno viene addebitata al cliente. Vantaggi: nessuna trasmissione di dati del conto e pagamento soltanto alla ricezione della merce. Svantaggi: in caso di spedizione di ritorno della merce, trascorre un periodo di tempo piuttosto lungo prima che l'importo già pagato dal cliente venga restituito e in genere le spedizioni in contrassegno sono abbastanza care (supplemento di 10-20 franchi a seconda di spedizione e negozio).
  • PSP (Payment Service Provider): questo servizio di pagamento tramite piattaforma elettronica esiste ad esempio presso PostFinance, Datatrans o SIX. Il PSP funge da piattaforma tra il rivenditore online e i diversi istituti finanziari, fornendo un collegamento sicuro per la trasmissione e l'inoltro dei dati sensibili delle carte di credito di clienti.
  • Pagamento anticipato: una volta terminato l'ordine il cliente riceve una conferma scritta o per via elettronica oltre alle informazioni per il pagamento. Non appena il negozio online riceve la transazione avvia il processo di spedizione della merce. Attenzione: non inviare mai denaro contante in una busta. In genere è opportuno prestare attenzione ai pagamenti anticipati per ordini su internet. Se un offerente non adempie ai suoi doveri, il cliente è quasi sempre obbligato a intraprendere le vie legali per esigere la restituzione dell'importo già pagato. Se nel peggiore dei casi il negozio online diventa insolvente, esiste anche il pericolo di non rivedere più il proprio denaro.
Contratti di vendita con negozi online

In generale un contratto d'acquisto viene stipulato solo quando il venditore fa un'offerta vincolante e l'acquirente la accetta. A questo punto un contratto d'acquisto è vincolante e non può essere disdetto retroattivamente.

Dettagli sui contratti con negozi online.

  1. L'offerta del venditore presente su internet non è ancora vincolante. Ciò significa che un cliente non ha alcun diritto ad ottenere il prodotto offerto a un determinato prezzo sulla pagina del prestatario.
  2. Possibilità di richiedere il prodotto riempiendo il modulo d'ordine sulla homepage del prestatario. Il cliente si impegna ad accettare l'offerta come appare sulla homepage. Se il venditore fornisce il prodotto ordinato al prezzo indicato e nei termini di consegna prefissati, il cliente è tenuto all'acquisto.
  3. Se una volta effettuato l'ordine, il prezzo e/o i termini di consegna dovessero cambiare, il cliente non è più obbligato ad acquistare il prodotto. Il rivenditore è tenuto a informare delle variazioni il cliente, il quale dovrà comprare il prodotto soltanto dopo aver accettato il nuovo prezzo e/o il cambiamento dei termini di consegna.
  4. Una volta accettato l'ordine del cliente il rivenditore è tenuto a fornire il prodotto. In genere il cliente riceve una e-mail di conferma dell'ordine. Se non vengono indicati cambiamenti di prezzo o dei termini di consegna, allora si può ritenere che le condizioni sono quelle presenti sulla homepage. Il rivenditore può accettare la sua ordinazione anche addebitando il prezzo del prodotto sulla carta di credito del cliente. Un'ordinazione si può considerare accettata se il cliente non riceve notizie dal venditore entro un termine "ragionevole" (circa una settimana).

Consigli per lo shopping online

Consiglio 1 - Controllare il carrello della spesa

In caso di un ordine online è sempre opportuno controllare con attenzione il carrello della spesa elettronico. Il prodotto corrisponde esattamente a quello desiderato e al prezzo indicato? Valgono le rispettive informazioni presenti sulla homepage del prestatario.

Consiglio 2 - Inserire eventuali richieste nel campo destinato ai commenti

Se il cliente necessita del prodotto entro un preciso termine deve segnalarlo nel modulo di ordinazione nello spazio destinato ai commenti (ad es. "ordinazione valida solo se il prodotto mi può essere fornito entro il 15 agosto"). Il venditore è obbligato a considerare i commenti contenuti nel modulo di ordinazione per quanto possibile. Se il venditore non informa il cliente in altro modo, ciò significa che accetta la sua richiesta.

Consiglio 3 - Confermare per iscritto eventuali accordi presi a voce

Gli accordi verbali presi con il rivenditore devono essere confermati per iscritto e conservati (cfr. Consiglio 4).

Consiglio 4 - Conservare le prove

Tutto ciò che ha a che fare con l'ordinazione (richiesta, conferma e ulteriori e-mail e/o lettere del rivenditore) deve essere conservato. In caso di una controversia giuridica questi documenti possono essere utilizzati come prove.

Consiglio 5 - Osservare le Condizioni generali di contratto (CGC)

Prestare assolutamente attenzione alle condizioni generali di contratto del rivenditore. Nelle CGC in genere è spiegato in quale misura un rivenditore si deve assumere i servizi di garanzia e la responsabilità e se al cliente è concesso il diritto di restituzione e scambio. Le CGC valgono se:

  • vengono accettate prima di inviare l'ordine. In pratica il cliente conferma sul modulo d'ordine di aver letto le CGC e averle accettate (ad es. mettendo una crocetta alla voce "Accetto le Condizioni generali di contratto");
  • viene chiaramente comunicata la loro validità. In pratica se ad es. sul modulo d'ordine compare l'indicazione "Valgono le disposizioni delle Condizioni generali di contratto".

Importante: se non si è d'accordo con le Condizioni generali di contratto è necessario comunicarlo al venditore prima di inviare l'ordine, anche inserendo un commento direttamente sul modulo di ordinazione. Se il rivenditore non informa il cliente in altro modo, ciò significa che accetta la sua richiesta. Se sul modulo non è disponibile uno spazio per le osservazioni, è opportuno contattare direttamente il rivenditore. Se in questo caso venissero presi accordi orali non bisogna dimenticarsi di richiederne una conferma scritta. Se in un momento successivo venissero stabilite altre condizioni con il rivenditore le CGC non avranno più validità.

Consiglio 6 - In caso di problemi in garanzia rivolgersi al rivenditore

In generale, per i prodotti elettronici, per legge vige una garanzia del costruttore che in Svizzera, nella maggior parte dei casi, ha validità di un anno e a seconda del produttore e del prodotto può essere più lunga. In caso di problemi durante la garanzia il rivenditore è tenuto a inoltrare il prodotto difettoso al produttore o all'importatore.
In genere è il cliente a dover portare personalmente o inviare il prodotto al servizio di assistenza. La maggior parte dei negozi online sul proprio sito internet indirizza direttamente i clienti al produttore o al servizio di assistenza competente. I costi per la spedizione spettano al cliente, mentre i costi di rispedizione sono regolamentati in modo differente a seconda del produttore e del prodotto. Nel caso di un grande televisore con un peso di oltre 30 kg, le spese di spedizione possono anche venire a costare anche 50 franchi a invio. Sebbene non siano obbligati, spesso i produttori accettano questi casi in garanzia per compiacenza.

Consiglio 7 - Diritto di restituzione

Per i clienti non esiste alcun diritto di restituzione stabilito per legge. Tuttavia, molti rivenditori vengono incontro ai clienti e accettano la restituzione di un prodotto in determinate circostanze. Le informazioni riguardanti un eventuale diritto di ristituzione sono contenute nelle CGC di ogni rivenditore. In caso di mancanza di indicazioni al riguardo, significa che non esiste un diritto alla restituzione.

Consiglio 8 - Osservare il termine di scadenza per la sostituzione in caso di difetti

Se il rivenditore consegna un prodotto sbagliato o difettoso, il cliente ha diritto alla sostituzione. Bisogna però fare attenzione che è indispensabile cambiare il prodotto il prima possibile, comunque al massimo entro una settimana, comunicando per iscritto il motivo della sostituzione. Il rivenditore è obbligato a sostituire il prodotto o a migliorarlo se si tratta di un difetto o un errore. Se non rispettasse questo impegno il cliente può disdire il contratto e richiedere la restituzione del denaro già pagato.

Consiglio 9 - Fare assicurare il trasporto

Di regola è il cliente il responsabile della spedizione del prodotto. La responsabilità comincia non appena il rivenditore consegna il prodotto per la spedizione (passaggio del rischio). A partire da questo momento è il cliente ad assumersi il rischio. Anche in questo caso i rivenditori sono piuttosto condiscendenti assicurando ad esempio il trasporto. In caso contrario è opportuno contattare il rivenditore e stipulare in ogni caso un'assicurazione per il trasporto.

Indietro