Crediti privati

Offerte sospette: il trucco del credito immediato

INFO
|
Foto: iStock / Wara1982

In Svizzera i crediti immediati, detti anche «crediti express» o «crediti d’urgenza», offrono un aiuto rapido per uscire da una situazione difficile. Ma in realtà dietro a queste offerte si celano false promesse che mirano soltanto a far cadere nuovi clienti nella trappola.

 

In base all’accordo di autoregolamentazione del settore creditizio, dal 1o gennaio 2016 in Svizzera è espressamente vietato pubblicizzare i crediti immediati. Si tratta infatti di una forma di pubblicità ingannevole, in cui si fa erroneamente credere al cliente che può ottenere un credito privato in modo molto rapido e senza una verifica dettagliata della solvibilità.

Secondo la Legge sul credito al consumo (LCC) si definisce credito al consumo un credito concesso da fornitori commerciali o istituti finanziari il cui importo è compreso tra 500 e 80’000 franchi e la cui durata deve essere superiore a tre mesi. Importi inferiori o superiori non rientrano quindi nel campo di applicazione della LCC.

Che cos’è un credito immediato?

Questo tipo di finanziamento viene pubblicizzato con parole chiave come «credito express», «credito d’urgenza» o «credito veloce». Tuttavia, il credito immediato che si pubblicizza in questo modo non esiste in Svizzera. Dietro a queste offerte civetta si nascondono di solito società sospette che non sono autorizzate a fornire un credito.

Anche alcuni istituti di credito affidabili parlano di crediti immediati nelle loro pubblicità, sebbene in realtà non li propongano. Spesso, infatti, sostengono di poter concedere un credito immediato, ma in pratica si tratta di prediligere un dossier oppure, se possibile, di elaborarlo più rapidamente. Questo però sono in grado di farlo tutti gli offerenti professionali

Con quale rapidità si ottiene un credito immediato?

Un credito erogato in 3 o 10 minuti: ecco il modo in cui le società dubbiose reclamizzano i loro servizi promettendo il risanamento dei debiti. Chi sottoscrive un leasing o un credito ha un diritto di revoca di 14 giorni, termine entro il quale può recedere dal contratto. Il pagamento di un credito avviene dunque sempre dopo un periodo di attesa di 14 giorni.

I consigli di Comparis per riconoscere offerte sospette

  • Offerte pubblicizzate con parole chiave come «credito immediato», «credito express», «credito con approvazione immediata» ecc.
  • Promessa di ricevere un credito entro poche ore o addirittura in pochi minuti.
  • Italiano zoppicante, errori di ortografia.
  • Indirizzo non chiaro, nessun indirizzo svizzero.
  • Nessun riferimento a enti di informazione indipendenti come la Centrale per informazioni di credito (ZEK) o l’associazione di consulenza per il risanamento dei debiti «Schuldenberatung Schweiz».
  • Riferimento a un sito web in cui è indicato che «non vengono concessi crediti» anche se negli annunci a pagamento sui motori di ricerca il sito viene esplicitamente pubblicizzato con la parola «credito».
  • Strategia astuta: ci sono offerenti che sul proprio sito web mettono in guardia da offerte ingannevoli, ad esempio tramite collegamenti a liste di avvertimento esterne in cui però è elencato anche il loro nome.

Qui si trovano maggiori consigli per evitare offerte di credito sospette.

Confrontare i crediti privati

Ci sono eccezioni?

La Legge sul credito al consumo non prevede eccezioni. Il diritto di recesso è sempre di 14 giorni. Questo termine non riguarda tuttavia i crediti non soggetti alla Legge sul credito al consumo:

  • se l’importo di un credito supera gli 80’000 franchi;
  • se la durata del credito è inferiore a tre mesi.

In generale i clienti hanno la possibilità di anticipare la verifica del credito e ricevere un riscontro il più velocemente possibile. Tuttavia, inviando per tempo i documenti necessari, possono contribuire loro stessi ad accelerare il processo di elaborazione. In caso di esito positivo, il denaro verrà versato dopo il periodo di attesa.

Quando conviene chiedere un credito

Se si vuole finanziare un’auto, una moto, dei mobili o dei dispositivi elettronici costosi, un credito al consumo può velocizzare la procedura di acquisto. Un credito può essere utile anche per superare difficoltà finanziarie a breve termine. È sconsigliabile invece richiedere un credito al consumo se non fa altro che rinviare o addirittura accentuare un problema finanziario. Se le difficoltà finanziarie persistono, conviene mettersi in contatto con l’associazione di consulenza per il risanamento dei debiti Schuldenberatung Schweiz (sito web solo in tedesco o francese).

Quali sono le alternative al credito immediato?

In Svizzera, per legge non è possibile ottenere un prestito immediato. Si può comunque ricevere un credito al consumo entro 14 giorni. Su Comparis si possono confrontare i diversi offerenti e avere una panoramica delle offerte di credito serie e affidabili. Richiedendo un’offerta senza impegno presso Credaris, servizio partner di Comparis, si può scoprire velocemente se si otterrà un credito e a quali condizioni. Allo stesso tempo, la consulenza gratuita dei nostri esperti riduce sensibilmente il rischio di un rifiuto e quindi di un’eventuale iscrizione nel registro della Centrale per informazioni di credito (ZEK). Il rifiuto di un credito resta registrato per due anni e può quindi ridurre le possibilità di ottenere un credito in futuro.

Richiedere un credito