Assicurazione complementare

Assicurazione complementare per i denti in Svizzera: le 8 domande e risposte più importanti

INFO
|
Foto: iStock / andresr

I costi per le cure dentistiche e gli interventi di ortodonzia raggiungono facilmente decine di migliaia di franchi. L’assicurazione di base finanzia solo i trattamenti necessari dal punto di vista medico o in seguito a una malattia. Un’assicurazione complementare per i denti può quindi essere utile.

Comparis risponde alle domande principali sul tema.

La migliore prevenzione per evitare di doversi sottoporre a cure dentistiche dai costi elevati è una buona igiene orale. Un’assicurazione complementare per i denti può anche essere un’alternativa valida, ma bisogna tenere conto di alcuni aspetti. Comparis risponde alle domande principali sul tema.

1. Che cos’è un’assicurazione complementare per i denti?

Un’assicurazione complementare per i denti si assume una parte dei costi per le cure dentistiche che non vengono coperti né dall’assicurazione di base obbligatoria né dall’assicurazione infortuni e invalidità. L’assicurazione di base copre i costi delle cure dentistiche solo nei casi seguenti:

  • Infortunio
  • Malattie del cavo orale gravi e non evitabili
  • Malattie sistemiche (ad es. leucemia)

2. Cosa comprende l’assicurazione complementare per i denti?

Un’assicurazione complementare si assume i costi delle cure dentistiche dovute a malattie o infortuni che non sono coperte da altre assicurazioni, come:

  • Profilassi e igiene dentale
  • Terapie conservative per i denti
  • Estrazioni dentarie
  • Protesi dentarie come corone, perni monconi, ponti e protesi
  • Malocclusione dentale
  • Radiografie

3. A chi conviene un’assicurazione complementare per i denti?

Stipulare un’assicurazione complementare per i denti conviene soprattutto a chi ha figli. Sono molti i bambini e i giovani che devono correggere le malocclusioni dentali con un apparecchio. I costi per questi interventi di ortodonzia raggiungono facilmente i 10’000 franchi o più.

4. Quando è utile stipulare un’assicurazione complementare per i denti?

È importante stipulare un’assicurazione complementare per tempo. Le casse malati, infatti, si assumono i costi per la correzione della posizione dei denti solo se la patologia è stata diagnosticata dopo la stipula del contratto assicurativo. Alcune casse malati richiedono inoltre un termine di carenza (tempo di attesa) che può variare dai sei mesi ai tre anni.

Proprio come accade per le altre assicurazioni complementari, le casse malati possono anche rifiutare la domanda del richiedente. Prima di stipulare un’assicurazione complementare per i denti, il richiedente deve compilare un modulo che accerti il suo stato di salute. Inoltre, è necessario presentare un certificato del dentista. Per gli adulti è quindi più difficile stipulare un’assicurazione complementare di questo tipo.

5. Assicurazione dentistiche per bambini: a cosa prestare attenzione?

Le assicurazioni dentistiche per i bambini dovrebbero essere stipulate per tempo, possibilmente prima che sia necessario presentare un certificato medico. Attenzione: alcune assicurazioni richiedono un certificato già a partire dai 3 anni. In caso di una malocclusione dentale, la cassa malati può rifiutare la richiesta di protezione assicurativa in parte o addirittura del tutto.

6. Quanto costa un’assicurazione complementare per i denti?

I premi per i bambini variano tra i 5 e i 20 franchi al mese. Gli adulti pagano dai 25 ai 40 franchi al mese.

Consiglio di Comparis: presso alcune casse malati l’assicurazione complementare deve essere stipulata separatamente e può quindi venire a costare di più rispetto a un pacchetto con altre assicurazioni complementari ambulatoriali.

7. Quanto rimborsa un’assicurazione complementare per i denti?

Le prestazioni delle assicurazioni complementari per i denti variano a seconda dell’offerente. Alcune casse malati si concentrano di più sulla correzione della posizione dei denti, altre sulle protesi dentarie. Ci sono differenze anche per quanto riguarda la partecipazione ai costi: alcune compagnie assicurative si assumono soltanto una percentuale dei costi di determinati trattamenti, come quelli per la correzione dentale. Anche il limite per le prestazioni annuali varia da cassa a cassa: di solito non dovrebbe essere inferiore ai 5’000 franchi.

Le prestazioni delle assicurazioni complementari per i denti variano considerevolmente a seconda dell’offerente. Per questo motivo è molto importante confrontare le varie offerte.

8. L’assicurazione complementare per i denti vale anche all’estero?

Generalmente un’assicurazione complementare per i denti vale solo per i trattamenti effettuati in Svizzera. Tuttavia, alcuni offerenti si assumono anche i costi per le cure meno care svolte nei paesi limitrofi.