Assicurazione complementare

Assicurazione complementare: affiliarsi presto conviene

INFO
|
Il confronto online delle assicurazioni complementare è utile, tanto quanto richiedere presto un’affiliazione. Foto: iStock / Wavebreakmedia

Per cambiare l’assicurazione malattia complementare è necessario aspettare il prossimo anno, ma fare già ora domanda è tuttavia vantaggioso: se ci si dovesse ammalare nel corso dell’anno, si è già affiliati presso la futura cassa malati senza riserve. E non si è ancora tenuti a pagare alcun premio. Nel caso di problemi con la compagnia assicurativa o di un rifiuto, ha ancora tempo per verificare altre offerte.

Per cambiare l’assicurazione malattia complementare è necessario aspettare il prossimo anno. Le varie casse malati applicano infatti termini di disdetta e durate contrattuali differenti. Tuttavia, è proficuo occuparsi del tema già a inizio anno.

Questionario sulla salute: necessario per affiliazione e cambio

Per essere accettato da un’assicurazione complementare o cambiare quella che si possiede, il richiedente deve compilare un cosiddetto questionario sulla salute

A differenza dell’assicurazione di base le casse hanno il diritto di rifiutare persone con problemi di salute senza dare una motivazione o di accettarle con riserve. Se vengono fornite informazioni non veritiere o incomplete in merito a malattie del passato o attuali, le casse malati possono anche presentare successivamente delle riserve e ridurre o negare le prestazioni assicurative.

Limitazioni di prestazioni o rifiuti: meglio tutelarsi per tempo

Sta pensando di stipulare un’assicurazione complementare o ha intenzione di cambiare cassa malati il prossimo anno? Allora le conviene effettuare al più presto l’esame della salute. La ragione sta nel fatto che, se si dovesse presentare un nuovo problema di salute in seguito alla firma della richiesta, ma prima dell’accettazione nell’assicurazione, trae vantaggio dalla garanzia dei diritti acquisiti. Ciò significa che la sua futura cassa malati l’ha già accettata e non ha quindi più il diritto di presentare riserve successivamente. In questo momento lei non sta ancora pagando i premi, ma si tutela in anticipo contro possibili limitazioni di prestazioni o addirittura un rifiuto. 

A causa del questionario sulla salute, tuttavia, è importante dare la disdetta di un’attuale polizza assicurativa soltanto dopo aver ricevuto la conferma di accettazione da parte della nuova cassa malati. C’è ancora un’altra ragione per iniziare ad occuparsi al più presto dell’assicurazione malattia complementare: in caso di problemi con la cassa malati o di un rifiuto, ha ancora tempo per verificare altre offerte.

Questo articolo potrebbe interessarle

13 assicurazioni malattia complementari passate in rassegna: quali sono davvero necessarie?