Previdenza

Fondi previdenziali: rendimenti maggiori investendo in azioni?

INFO
|
Foto: iStock / marchmeena29

I conti di risparmio 3a fruttano ormai interessi quasi pari a zero. I fondi d’investimento nei depositi del pilastro 3a offrono maggiori opportunità di rendimento. Comparis spiega a cosa deve fare attenzione chi opta per una soluzione in fondi.

Molte banche offrono tassi d’interesse migliori per i conti 3a che per i normali conti di risparmio. Questo tasso preferenziale è di solito tra lo 0,1 e lo 0,5%. Chi cerca rendimenti più alti dovrebbe prendere in considerazione una soluzione in fondi, offerta sia da banche che da assicurazioni come alternativa al tradizionale conto interessi 3a.

Investire l’avere previdenziale in fondi

Chi opta per un investimento in fondi ottiene con il minimo sforzo una buona diversificazione. Il fondo investe infatti in vari prodotti e aziende, e questo permette di suddividere il rischio legato agli investimenti. Allo stesso tempo si partecipa al rialzo delle quotazioni su vari mercati finanziari. Importante: l’importo massimo annuale per i versamenti nel pilastro 3a ammonta a 6’883 franchi per i lavoratori dipendenti, mentre a 34’416 franchi oppure al massimo al 20% del reddito netto per i liberi professionisti senza cassa pensione.

Più alto il rischio, maggiore il rendimento

A seconda dell’offerente e del fondo è possibile effettuare investimenti con una quota azionaria anche del 100%. Quanto più alta è la quota azionaria, tanto maggiore è la possibilità di ottenere maggiori utili. Ma questa possibilità ha un prezzo: bisogna infatti assumersi un rischio più elevato. Nel breve periodo, infatti, gli investimenti possono subire notevoli fluttuazioni dei corsi.

Le azioni hanno storicamente avuto un rendimento maggiore

Sul lungo termine, comunque, le azioni hanno sempre recuperato le battute d’arresto. Di solito si riprendono al massimo entro una decina d’anni. Conviene quindi aspettare questo periodo di tempo prima di ritirare il capitale del terzo pilastro.

Fondi a gestione attiva o passiva?

Gli investitori hanno la possibilità di scegliere tra fondi attivi e fondi passivi. La differenza sta nella gestione.

I fondi passivi mirano a ottenere la massima diversificazione nel modo più conveniente possibile. Si orientano al mercato cercando solitamente di replicare l’indice azionario in maniera autonoma. Ecco perché comportano un onere amministrativo minore.

I fondi attivi cercano di sovraperformare il mercato. I portfolio manager dei fondi previdenziali attivi scandagliano il mercato alla ricerca di investimenti con cui ottenere rendimenti più alti. Solitamente, un fondo a gestione attiva ha costi più elevati.

Chi vuole ampliare il proprio spettro di investimenti farà bene a optare per una soluzione 3a con fondi a gestione passiva. I fondi attivi, infatti, di solito non riescono a battere il mercato.

Attenzione ai costi

Considerando tutte le spese, nemmeno i fondi passivi riescono a superare il proprio indice di riferimento. È quindi importante fare particolare attenzione ai costi. Ogni fondo è tenuto a presentare le spese di gestione attraverso l’indicatore TER (Total Expense Ratio).

Prendere in considerazione soluzioni digitali

Numerosi istituti offrono la possibilità di aprire un fondo di previdenza 3a tramite app, come ad esempio VIAC, finpension o l’app della ZKB «frankly». La gestione tramite app è più conveniente e molto più flessibile rispetto a un contratto tradizionale. Di solito è ad esempio possibile modificare la strategia d’investimento in modo semplice e rapido.

In conclusione

Una soluzione in fondi può essere più redditizia di un tradizionale conto interessi. Ma per ottenere un rendimento maggiore si corrono anche rischi più elevati. In ogni caso, per chi vuole investire in titoli conviene confrontare diversi offerenti e prodotti. Bisogna inoltre fare particolarmente attenzione ai costi.

Prima di prendere una decisione, può essere utile affidarsi al parere di esperti indipendenti. I collaboratori del nostro servizio partner Optimatis sono a disposizione per una consulenza senza impegno.

Altri articoli interessanti:

Previdenza: i risparmiatori rinunciano a una rendita migliore
Cassa pensione: con l’aliquota di conversione la rendita si riduce