Cura e manutenzione

Auto dal meccanico: nervoso sempre in agguato

CONSIGLIO
|
Ecco i consigli per andare dal carrozziere in tranquillità. Foto: Thinkstock

 

  • Lavare il veicolo
    Prima di andare dal meccanico il veicolo dovrebbe essere lavato all’esterno a un autolavaggio oppure a mano.

  • Controllare se il veicolo riporta dei danni
    Una volta pulito, prima di portarlo al carrozziere, il veicolo dovrebbe essere controllato per vedere se ha dei danni. Anche il carrozziere lo controllerà e registrerà eventuali danni in un verbale di accettazione, tuttavia, è bene fare un controllo in prima persona. Quando si controlla il veicolo a casa è consigliabile anche fotografarlo. 

  • Controllo comune al ritiro
    Una volta conclusa la riparazione o il cambio degli pneumatici, il veicolo deve essere assolutamente ispezionato insieme al carrozziere. Consigliamo di non limitarsi mai solo a prendere le chiavi e andare via in macchina, ma di fare insieme al carrozziere un giro attorno all’auto e vedere che la carrozzeria non presenti danni. Se ci sono danni, in questo modo ci si risparmia molto nervosismo.

  • Sinistri con prove inconfutabili
    Se facendo il giro del veicolo si notano dei danni, conviene attirare l’attenzione del carrozziere sul problema e chiedere di riprendere in mano il protocollo di accettazione. Se non vi è annotato nessun danno, oppure se con delle immagini si può provare che i problemi rilevati non c’erano in precedenza, la situazione è chiara: il danno è stato arrecato in officina. In questo caso i danni arrecati sono a carico dell’assicurazione responsabilità civile dell’officina. In un caso del genere la durata della riparazione e, se necessario, anche un’auto di cortesia, sono a carico del carrozziere.

  • Sinistri senza prove inconfutabili
    Se il danno viene notato solo in un secondo momento, si dovrebbe almeno mettere al corrente il carrozziere. Tuttavia, a quel punto è molto difficile dimostrare che i danni sono insorti durante il periodo in officina. La cosa migliore da fare è recarsi di nuovo in officina e far controllare il danno al carrozziere. Alla fine, però, non rimane altro da fare che notificare il danno all’assicurazione. Se il veicolo è danneggiato solo in maniera lieve, ovvero la vernice è rigata, solo l’assicurazione danni da parcheggio che include anche i graffi alla carrozzeria, che in genere può essere stipulata solo quando si acquista un veicolo nuovo, copre questi danni. In caso di copertura per danni da parcheggio, le rigature sullo smalto sono invece espressamente escluse. Se si presenta un danno maggiore, ad esempio alla carrozzeria, questo è coperto dall’assicurazione danni da parcheggio. Se non si è stipulato alcuna copertura per danni da parcheggio, il danno rientra nella competenza dalla casco completa. In caso si abbia una cosiddetta casco collisione, tuttavia, è necessario coprire di tasca propria la quota parte. In ogni caso p
    er quanto riguarda l’auto è proprio vero che «dal carrozziere si elimina un problema e se ne crea un altro. I costi per un eventuale veicolo di cortesia devono essere assunti, in questo caso, in prima persona. 

  Confrontare l’assicurazione auto