Appartamento in affitto

Assicurazione cauzione d’affitto: gli svizzeri sprecano quasi una mensilità

ANALISI
|
All’ingresso in un nuovo appartamento si deve versare un deposito cauzionale: le assicurazioni cauzioni d’affitto sono un’alternativa. Foto: iStock.com/KatarzynaBialasiewicz

Un affittuario su sei ha un’assicurazione cauzione d’affitto e uno su cinque con deposito cauzionale preferirebbe un’assicurazione cauzione d’affitto. Secondo un nostro calcolo chi paga i premi per un’assicurazione cauzione d’affitto su un periodo di cinque anni spreca quasi un mese di affitto. 

Il 31 marzo è di nuovo la giornata ufficiale di trasloco. Alla stipula del contratto i nuovi affittuari devono versare su un conto bloccato una cauzione di importo corrispondente fino a tre mesi di affitto. L’assicurazione cauzione d’affitto rappresenta un’alternativa a questo deposito cauzionale: al posto di versare l’intera somma in una volta, l’affittuario paga una tassa annuale a un assicuratore che si fa garante della cauzione nei confronti del locatore. 

Quasi un mese di affitto regalato

Secondo un nostro sondaggio rappresentativo il 17 per cento degli affittuari svizzeri ha un’assicurazione cauzione d’affitto e uno su cinque con un deposito cauzionale classico preferirebbe l’assicurazione cauzione d’affitto. Per il primo anno di contratto alcuni assicuratori offrono, indipendentemente dal prezzo dell’appartamento, un premio forfettario che varia da 99 a 231 franchi. In seguito, però, il premio aumenta rapidamente soprattutto nel caso di caparre molto elevate. Se prendiamo ad esempio un appartamento per cui il valore del deposito cauzionale ammonterebbe a 6’039 franchi (in media l’importo cauzionale massimo per un appartamento di 2,5 locali a Zurigo in base al grafico 1), rimanendo in affitto per 5 anni i costi complessivi raggiungono addirittura i 1’583 franchi, ovvero quasi l’importo medio di un affitto mensile. Lo stesso rapporto si mantiene anche per un appartamento più grande. Per una fideiussione assicurativa di 11’400 franchi (in media l’importo cauzionale massimo per un appartamento di 5,5 locali a Zurigo in base al grafico 2), su una durata di affitto di cinque anni si presentano costi complessivi fino a 2’789 franchi.

Grafico informativo sul confronto delle assicurazioni cauzione d’affitto per un appartamento di 2,5 locali a Zurigo.

Grafico informativo sul confronto delle assicurazioni cauzione d’affitto per un appartamento di 5,5 locali a Zurigo.

Differenze notevoli tra gli offerenti

In questo ambito le differenze tra i singoli offerenti di assicurazione sono ragguardevoli: nel caso dei premi per un appartamento da 5,5 locali nella città di Zurigo con una cauzione di 11’400 franchi e una durata di affitto di cinque anni le differenze tra l’assicurazione più conveniente e quella più costosa arrivano a 727 franchi. Per un appartamento di 2,5 locali con una cauzione di 6’039 franchi, considerando lo stesso arco di tempo, si presentano differenze tra i premi fino a 421 franchi. 

Controllare nelle CGC se ci sono tasse o costi aggiuntivi

Un’assicurazione cauzione d’affitto garantisce soltanto per l’importo della cauzione e non risponde dei danni che si presentano durante la durata dell’affitto. Non sostituisce quindi un’assicurazione mobilia domestica o responsabilità civile. «In questo caso il termine assicurazione cauzione d’affitto è un po’ fuorviante. In realtà non si tratta di un’assicurazione vera e propria ma piuttosto di una garanzia» spiega Nina Spielhofer, esperta Immobili e Abitare presso Comparis. Chi stipula un’assicurazione cauzione d’affitto dovrebbe studiare bene anche le Condizioni generali di contratto per evitare costi aggiuntivi inaspettati, come ad esempio le tasse di disdetta che richiedono alcuni assicuratori. «Un altro aspetto da considerare è che alcuni locatori non accettano tutti gli offerenti oppure non vogliono alcun genere di assicurazione cauzione d’affitto» mette in guardia Spielhofer. 

Deposito cauzionale, prestito o assicurazione cauzione d’affitto

Con un apposito conto cauzione d’affitto, al termine del rapporto locativo l’inquilino riceverà indietro il denaro versato, tassi d’interesse inclusi. Nel caso di un’assicurazione cauzione d’affitto, al contrario, i premi pagati sono irrevocabilmente spesi. Per questo a chi stipula un nuovo contratto di affitto l’esperta Spielhofer consiglia di riflettere bene prima di prendere una decisione: in mancanza di liquidità sufficiente, al posto di scegliere un’assicurazione cauzione d’affitto, conviene chiedere un prestito a familiari o amici.

Credito privato più conveniente a seconda delle circostanze

A seconda delle circostanze potrebbe essere più vantaggioso addirittura chiedere un piccolo credito. Dominik Weber, esperto Finanze presso Comparis osserva: «Nel confronto con i crediti privati le assicurazioni cauzione d’affitto risultano tendenzialmente meno vantaggiose. Un credito privato conviene soprattutto se il debitore ha una buona solvibilità, in quanto riceve un tasso favorevole o se si opta per una durata del credito non troppo lunga». 

Nel caso di un’assicurazione cauzione d’affitto di cinque anni per un controvalore cauzionale di 6’000 franchi, un affittuario paga, a seconda dell’offerente, tra 1’100 e 1’600 franchi. Per un credito privato di 6’000 franchi a un tasso d’interesse del 7,9 per cento, un debitore paga un totale di 730 franchi di interessi su un periodo di 36 mesi. Si tratta quasi della metà in confronto al totale dei premi assicurativi. Anche considerando un tasso d’interesse del 9,9 per cento i costi ammonterebbero solo a 920 franchi. «Un’assicurazione cauzione d’affitto è interessante soltanto per coloro che non hanno alcun mezzo finanziario a disposizione o che devono o vogliono investire diversamente il denaro a breve termine» aggiunge Spielhofer.