Prestazioni

Gravidanza e parto: lista di controllo

INFO
|
Già da neonati si deve essere assicurati contro le malattie: quanto prima, meglio è. Foto: iStock.com / FatCamera

È in dolce attesa? Congratulazioni! Soprattutto quando si aspetta il primo figlio insorgono molte domande, anche in relazione all’assicurazione. Quali esami copre l’assicurazione di base? Per quali prestazioni è necessaria una protezione aggiuntiva? Comparis spiega come assicurare al meglio lei e il suo bambino ed evitare costi inutili.

Assicurazione di base per la madre

L’assicurazione di base obbligatoria tutte le principali prestazioni relative a gravidanza e parto. Tra queste rientrano le misure preventive durante la gravidanza, il parto e il periodo successivo al parto. Nel caso di una gravidanza e un parto senza problemi l’assicurazione di base copre le seguenti spese.

A. Senza partecipazione ai costi (dalla 13ª sett. di gravidanza e 8 sett. dopo il parto) 

Prima del parto

  • 7 visite di prevenzione
  • 2 ecografie (tra la 11ª e la 14ª e tra la 20ª e la 23ª sett. di gravidanza)
  • Analisi di laboratorio
  • Contributo di 150 franchi per il corso di preparazione al parto
  • Esami genetici: test del primo trimestre e test genetico prenatale non invasivo per il riscontro della trisomia 21, 18 o 13; si aggiungono poi amniocentesi , biopsia del corion e cordocentesi

Durante il parto

  • Costi per parto ambulatoriale e stazionario nel reparto comune dell’ospedale di contratto del cantone di domicilio, in una casa maternità o per un parto in casa (consultare anche il confronto degli ospedali di Comparis)

Dopo il parto

  • 3 consulenze per l’allattamento presso una levatrice o una consulente per l’allattamento
  • 1 visita di controllo tra 6 e 10 settimane dopo il parto
  • Assistenza a domicilio di una ostetrica fino a 56 giorni dopo il parto (possibili al max. 10 visite senza prescrizione medica)

B. Senza partecipazione ai costi

  • Farmaci
  • Mezzi ausiliari (per es. calze contenitive)
  • Oggetti (per es. tiralatte)

Eccezione – Gravidanza a rischio

Nel caso di una gravidanza a rischio l’assicurazione di base non si assume in automatico tutti i costi delle varie cure. L’assicurazione di base rimborsa anche particolari chiarimenti medici (per es. analisi del liquido amniotico) solo secondo parere clinico. In ogni caso, il numero di ecografie è illimitato e i costi sono coperti. 

Assicurazioni complementari per la madre

Se da un lato l’assicurazione di base copre tutte le principali prestazioni prima, durante e dopo il parto, chi desidera maggiore flessibilità, assistenza e comfort, ha tuttavia bisogno di un’assicurazione complementare ambulatoriale o stazionaria che comprende le prestazioni di maternità. 

Un’assicurazione complementare ambulatoriale comprende ad esempio:

  • metodi di cura alternativi
  • test o esami prenatali (come test genetici per malattie ereditarie)
  • aiuto domestico nei mesi dopo il parto
  • corsi di riabilitazione perineale.

Un’assicurazione complementare stazionaria (reparto privato o semiprivato) consente:

  • libera scelta del medico
  • occupazione di una camera con 1 o 2 letti
  • parto in un ospedale privato o semiprivato che non rientra nella lista degli ospedali cantonali o che si trova al di fuori del cantone di domicilio.

Consigli

  1. Verifichi se le assicurazioni complementari che possiede comprendono già eventuali prestazioni per la maternità. Alla stipula dell’assicurazione complementare ospedaliera la maternità deve essere compresa esplicitamente. Solo in questo modo si approfitta del comfort di un reparto semiprivato e privato.
  2. Molte assicurazioni complementari presentano un periodo di carenza (termine d’attesa) da 9 mesi fino a 2 anni in particolare in relazione alle prestazioni di maternità. Le coppie che desiderano avere figli dovrebbero quindi pensare per tempo al cambio dell’assicurazione o a una nuova stipula. 

Dato che le differenze tra le assicurazioni complementari sono molto grandi, conviene confrontare le offerte delle varie casse malati.

Le assicurazioni necessarie per il neonato

Assicurazione di base: provvede all’indispensabile

Iscrizione

Si può assicurare il proprio figlio già prima che venga alla luce e dopo il parto si hanno al massimo 3 mesi per registrarlo presso un’assicurazione. La cassa malati deve affiliare il bambino e deve anche rimborsare eventuali costi in modo retroattivo se è nato con malattie (ecco come iscrivere il proprio bambino prima della nascita)

Prestazioni

Le prestazioni dell’assicurazione di base sono identiche presso tutte le casse malati e coprono tutte le necessità dal punto di vista medico (incluse visite di prevenzione e vaccini). 

Consigli

  • Scelga una franchigia di 0 franchi. Franchigie più alte non convengono in questi casi, in quanto i genitori con bambini piccoli vanno piuttosto spesso dal medico.
  • Genitori e figli non sono obbligati a essere assicurati presso la stessa cassa malati. Alcune compagnie concedono sconti familiari, ma mettendo a confronto le casse malati, a volte è anche possibile risparmiare di più. Quale assicurazione presenta i premi più convenienti? Visiti il confronto delle casse malati di Comparis.

Assicurazioni complementari: quali possono essere vantaggiose

Se desidera qualcosa in più rispetto alle cure di base ha bisogno di un’assicurazione complementare. Anche in questo caso prima si stipula l’assicurazione, meglio è. La ragione sta nel fatto che gli assicuratori hanno il diritto di escludere a vita dalla copertura le malattie già note oppure rifiutare del tutto l’affiliazione.

Per i bambini è opportuno verificare soprattutto due prestazioni.

Reparto semiprivato o privato

  • Garantisce la libera scelta del medico oppure le cure del primario
  • Copre, se necessario, anche le degenze in cliniche al di fuori del cantone 
  • Supplemento «reparto comune in tutta la Svizzera» (consigliabile in piccoli cantoni con pochi ospedali)

Correzioni della posizione dei denti

  • I costi raggiungono rapidamente importi a quattro o cinque cifre e vengono coperti dall’assicurazione di base solo in caso di malposizioni gravi
  • Alcune casse malati accettano i bambini prima della nascita e fino al quarto o al quinto anno di età, anche senza una visita odontoiatrica

Altre importanti assicurazioni per i nuovi arrivati

Gli incidenti si verificano in un secondo e non solo possono venire a costare davvero cari, ma causare anche danni permanenti. Per i bambini l’assicurazione infortuni è inclusa d’obbligo nell’assicurazione di base. Se un bambino dovesse essere così malato da diventare invalido, la copertura statale non è assolutamente sufficiente. Un’assicurazione per l’invalidità privata non copre soltanto i costi generati dai danni permanenti causati dall’incidente, ma anche le conseguenze dovute alla malattia.