Il 3° pilastro è suddiviso in pilastro 3a e pilastro 3b

La struttura del 3° pilastro

Pilastro 3a: la previdenza vincolata

Pilastro 3a
La previdenza vincolata

Le misure di risparmio nel pilastro 3a sono definite anche previdenza vincolata poiché i relativi contratti con le banche e/o le compagnie assicurative sono vincolanti. I contributi vengono versati regolarmente sul rispettivo conto bancario o nell’assicurazione sulla vita e in seguito il capitale risparmiato può essere prelevato prima dell’età pensionabile solo in casi eccezionali, ad esempio per l’ammortamento di un’ipoteca. Il pilastro 3a conviene soprattutto perché si ottengono dei vantaggi fiscali e perché la previdenza è incentivata dallo Stato. Tutti i contributi al pilastro 3a possono essere dedotti dal reddito imponibile nella dichiarazione d’imposta annuale. Anche se le prestazioni di capitale della previdenza sono soggette a imposizione, in generale si traggono dei vantaggi a livello fiscale.

Pilastro 3b: la previdenza supplementare

Pilastro 3b
La previdenza supplementare

Se i versamenti nel pilastro 3a hanno già raggiunto l’importo annuale massimo, che può essere fatto valere nel quadro della deduzione fiscale, è però possibile risparmiare ulteriore denaro per la vecchiaia. Ciò avviene nell’ambito del pilastro 3b, dove i risparmi non sono legati a contratti o a forme di risparmio fisse. Il pilastro 3b non offre agevolazioni dal punto di vista fiscale. Diverse offerte previdenziali in questo pilastro sono molto flessibili e possono essere modificate o disdette regolarmente.

Qual è la soluzione previdenziale migliore per lei? Comparis ha la risposta!

La sua previdenza è sufficiente a garantirle il mantenimento dello standard di vita attuale anche dopo il pensionamento? Desidera inoltre sapere che la sua famiglia sia al sicuro dal punto di vista finanziario e risparmiare sulle tasse ogni anno? La gamma di soluzioni di previdenza è molto ampia. Per trovare la soluzione su misura, adatta alle necessità della singola persona, conviene prima eseguire un’analisi approfondita. La maniera migliore è farsi consigliare su base gratuita e non vincolante da un esperto in ambito di previdenza del nostro servizio partner Optimatis. Poi si sceglie in tutta tranquillità e non ci si deve preoccupare più di niente.