Abbonamento

Ecco come trovare il pacchetto dati più appropriato per lo smartphone

INFO
| Di Jean-Claude Frick |
Foto: Unsplash / Fausto Garcia

Trovare l’abbonamento di telefonia mobile adatto non è un’impresa facile. Le tariffe mensili sono difficilmente paragonabili, le opzioni aggiuntive innumerevoli, e quando si tratta di roaming all’estero ci si confonde rapidamente. A questo si aggiungono regolarmente offerte e tariffe speciali. Il nostro articolo contiene consigli utili per trovare l’abbonamento giusto.

Conviene scegliere i pacchetti dati?

Oggi gli utenti di uno smartphone raramente lo usano per chiamare e scrivere messaggi (o il buon vecchio SMS) per via «tradizionale». Chi vuole rimanere in contatto con amici e colleghi usa WhatsApp, FaceTime o altri servizi simili per i quali è richiesta una connessione a Internet. Ecco perché è importante trovare il pacchetto di dati adatto che offra un volume di dati sufficiente. Infatti, per un pacchetto dati inferiore a 500 MB mensili sul mercato non esiste praticamente nessuna offerta. Dopodiché si avanza a passi di GB fino alla cosiddetta tariffa forfettaria o flat rate.

È necessaria una flat rate?

Se si sceglie una flat rate non bisogna preoccuparsi di quanti dati si consumano. Infatti, per chi ascolta spesso Spotify, scarica le ultime serie da Netflix quando è fuori casa o in viaggio oppure invia video YouTube tramite WhatsApp, la flat rate è un ottima soluzione. Anche chi vuole connettere il computer a Internet mentre è in viaggio può farlo tranquillamente con una flat rate, e senza preoccuparsi del fatto che il prossimo aggiornamento Windows consumi troppi dati. Negli ultimi mesi le differenze di prezzo tra gli abbonamenti che comprendono pacchetti dati e quelli con una flat rate sono diminuite. Una panoramica di tutte le offerte, comprese le attuali promozioni, sono disponibili nel confronto delle tariffe per cellulare di Comparis.

Dove posso controllare la quantità di dati che utilizzo al mese?

La quantità dei dati utilizzati può essere determinata in modo facile e veloce sia sui dispositivi Android che in iOS di Apple.

  • iOS: il volume dei dati utilizzati è visibile nelle «impostazioni» alla voce «rete mobile» o «dati mobili». È possibile ad esempio ripristinare le statistiche dei dati all’inizio del mese e poi osservare qual è il volume di dati che si sta consumando.
  • Android: le informazioni sono disponibili nelle «impostazioni» nella sezione «rete e Internet» alla voce «utilizzo dati». Alla voce «dati mobili» è visibile la quantità totale dei dati utilizzati. Toccando la freccia verso il basso è anche possibile selezionare un determinato periodo di tempo.

Qual è il volume di dati richiesto da quale attività?

Soprattutto i contenuti audiovisivi sono grandi divoratori di dati. Se ad esempio si guarda un contenuto Netflix in streaming per un’ora nella rete mobile e con risoluzione standard, il consumo di dati arriva a un gigabyte. I video su Facebook o YouTube, visualizzati con la massima risoluzione, consumano da 3 a 50 megabyte al minuto. Anche un video registrato e inviato tramite WhatsApp «costa» circa 5 megabyte al minuto. Rispetto alle applicazioni video, l’invio di messaggi vocali tramite WhatsApp richiede 0,3 megabyte al minuto e con questo un volume di dati significativamente inferiore. Chi di tanto in tanto legge le e-mail sullo smartphone o avvia una ricerca su Google, si muove nel range di alcune centinaia di kilobyte, mentre spostarsi in una città utilizzando Google Maps consuma fino a 3 megabyte al minuto.

In che modo posso risparmiare sul volume di dati?

Poiché sono i video a consumare la gran parte del volume di dati, il modo più rapido per contenerne il consumo sono alcuni accorgimenti tecnici. Gli utenti Netflix possono ad esempio impostare la qualità dei film e delle serie da visualizzare direttamente nell’app. E con uno smartphone Apple è possibile specificare per ciascuna app se i dati vanno utilizzati solo all’interno di una rete Wi-Fi (maggiori informazioni). Anche per gli utenti di dispositivi Android è disponibile una serie di funzioni simili (maggiori informazioni). Come per iOS, è ad esempio possibile definire qual è il volume di dati massimo che può utilizzare un’app. Fondamentalmente si risparmia sul volume di dati accedendo a una rete Wi-Fi ogni volta che è possibile, all’interno della quale si può ascoltare la musica preferita su Spotify o scaricare una serie sullo smartphone per la visualizzazione offline.

Le offerte combinate convengono?

I principali provider come Swisscom, UPC e Sunrise hanno lo scopo di legare interamente a sé i loro clienti, motivo per cui propongono offerte combinate. È ad esempio possibile combinare un pacchetto TV, la rete telefonica fissa e l’abbonamento per smartphone in un’unica offerta e approfittare del risparmio che ne consegue. Per chi sceglie tutti e tre i servizi, un’offerta combinata può essere un'ottima opzione. Se tuttavia non si ha più bisogno di un pacchetto TV perché l’utilizzo si limita ai provider di contenuti in streaming (come Netflix, Teleboy ecc.), solitamente le offerte individuali risultano più convenienti. Lo stesso vale per la rete telefonica fissa che serve a sempre meno persone.

Come funzionano le offerte per partner e famiglie?

Se un’economia domestica è composta da più persone con lo stesso provider, le rispettive offerte possono rappresentare una valida opzione. M-Budget Mobile offre ad esempio uno sconto per famiglie che prevede una riduzione per ogni abbonamento per cellulare aggiuntivo sottoscritto da una persona della stessa famiglia. Digitec si spinge oltre, con un’offerta in cui il volume di dati disponibile aumenta di un gigabyte con ogni utente aggiuntivo nell’abbonamento, fino ad arrivare alla flat rate per tutti a partire da un numero di cinque utenti.

Salt, Swisscom o Sunrise: qual è il provider più adatto?

Chi desidera effettuare telefonate e navigare in rete quasi costantemente e ovunque, e senza preoccupazioni, sceglierà di utilizzare la rete di Sunrise o Swisscom. Si tratta infatti della miglior copertura di rete (vedi anche l’attuale rapporto e test di copertura di rete, disponibile solo in tedesco), e inoltre entrambi i provider offrono servizi 5G. Le reti Swisscom e Sunrise sono utilizzate, tra gli altri, anche da Wingo, Coop Mobile, M-Budget, UPC Mobile, Aldi Mobile e Yallo. Presso questi ultimi provider, un potenziale utente non rinuncia alle numerose possibilità tecniche, ma solo ad alcune comodità come ad esempio il contatto e la consulenza personale in un negozio. Chi in caso di problemi o domande non ha niente in contrario a utilizzare la chat o il telefono, quindi, può beneficiare di un ottimo servizio. D’altro canto, il vantaggio di Sunrise e Swisscom consiste soprattutto nei servizi complementari, particolarmente vantaggiosi per i clienti business o per le persone tecnicamente meno esperte. Chi sceglie un abbonamento presso Salt deve fare i conti con una rete non ancora coperta integralmente, ma in compenso il rischio di sovraccarico della rete è minore, visto il numero inferiore di clienti Salt. Un problema, questo, che può manifestarsi ad esempio sui percorsi pendolari più trafficati. Di fatto, in questi casi gli utenti di Swisscom hanno maggiori difficoltà rispetto agli utenti di Salt.

Per la flat rate è possibile e ragionevole anche un’offerta prepagata?

Gli utenti che sottoscrivono un contratto a pagamento posticipato («postpaid»), ad esempio per una durata di 12 o 24 mesi, al mese pagano meno rispetto a chi sceglie di approfittare della flessibilità delle offerte prepagate («prepaid»). Le differenze di prezzo tra l’abbonamento flat rate più conveniente e quello di un provider di «prepaid» vanno dai 10 ai 20 franchi al mese. Conviene quindi prendere in considerazione un’offerta prepagata se, ad esempio, non si utilizza la flat rate ogni giorno, ma si trasmettono dati illimitati solo una volta ogni tanto. Queste offerte possono essere interessanti anche per chi desidera in primo luogo scoprire di quanto volume di dati ha effettivamente bisogno.

I pacchetti dati possono essere utilizzati anche all’estero?

La maggior parte degli abbonamenti flat rate non prevede l’utilizzo di volumi di dati all’estero, oppure l’utilizzo in roaming comprende solo piccole quantità di dati gratuite (da 500 megabyte a 1 gigabyte). Ciò significa che chi passa troppo tempo in rete mentre è in vacanza, potrebbe andare incontro a spiacevoli sorprese. È tuttavia possibile optare per una flat rate che comprenda, ad esempio, anche l’utilizzo di dati in Europa e/o in altre regioni del mondo. Un’opzione che, ovviamente, comporta però costi più elevati.

Consigli e suggerimenti utili per trovare il giusto pacchetto di dati

  • Agli utenti che viaggiano spesso, che consumano molti contenuti audiovisivi e che desiderano farlo in modo spensierato, si consiglia di scegliere una flat rate.
  • In tal caso, si pone la domanda del gestore di rete più adatto. Swisscom e Sunrise offrono la copertura migliore, mentre la rete di Salt è meno performante in determinate regioni periferiche. Si consiglia in ogni caso di verificare la copertura di rete mobile nel luogo di domicilio e di lavoro sulle mappe dei rispettivi provider:
  • Sunrise e Swisscom sono il provider adatto anche per chi attribuisce grande importanza alla qualità del servizio e alla consulenza personale. Wingo, Yallo e altri si servono delle stesse reti, e spesso le loro tariffe sono nettamente più convenienti perché il servizio clienti viene effettuato principalmente tramite chat, online o per telefono.
  • In Svizzera la concorrenza per accaparrarsi i clienti di rete mobile è molto agguerrita, ecco perché le promozioni e le offerte speciali sono praticamente all’ordine del giorno. Se un utente decide di beneficiarne, di solito si lega a un provider per almeno 12 mesi, approfitta tuttavia di tariffe mensili molto convenienti. Nella maggior parte dei casi il risparmio arriva al 50%. Il confronto delle tariffe per cellulare di Comparis offre una panoramica delle offerte attuali.
  • Non sono solo i nuovi clienti a poter approfittare di promozioni e offerte, ma anche chi da anni usa lo stesso provider. Infatti, spesso basta una telefonata per ottenere una riduzione della tariffa mensile o beneficiare gratuitamente di un servizio supplementare.