Previdenza

Aliquota di conversione


L’aliquota di conversione è il tasso applicato all’avere di vecchiaia del 2°pilastro (cassa pensione) per calcolare la rendita di vecchiaia annua. Quanto più è bassa l’aliquota di conversione tanto più bassa sarà la rendita. Ad oggi l’aliquota minima di conversione stabilita per legge è pari al 6,8 per cento.

Esempio di calcolo
Un avere di vecchiaia nel 2°pilastro pari a 100’000 franchi, con un tasso di conversione del 6,8 per cento, equivale a una pensione di 6’800 franchi all’anno.

Per tutte le persone che guadagnano più di 84’600 franchi all’anno l’aliquota di conversione è già scesa: attraverso la porta di servizio del regime sovraobbligatorio. Prima o poi nella parte obbligatoria della cassa pensione il tasso legale scenderà. Non si tratta quindi di chiedersi “se”, ma soltanto “quando” accadrà. Con l’aliquota di conversione diminuisce anche la pensione. Nel nostro articolo trova notizie attuali sull’aliquota di conversione  2018 e informazioni relative a una eventuale lacuna previdenziale.