Comparis
Newsletter
it

Assicurazioni

Auto e moto

Immobili

Credito e ipoteche

Salute e previdenza

Altri servizi

Comparis

Menu

Salute e previdenzaPrevidenza per la vecchiaiaPilastro 3a
Pilastro 3a

Pilastro 3a: previdenza privata

Il pilastro 3a fa parte della previdenza privata e costituisce insieme al pilastro 3b il terzo fondamento del sistema previdenziale svizzero. Quest’ultimo è suddiviso in tre pilastri:

Il 3o pilastro, ovvero la previdenza individuale facoltativa, permette di migliorare in modo attivo la propria situazione economica durante la vecchiaia, adottando diverse soluzioni assicurative e di risparmio in base alle proprie esigenze personali. 

È possibile trovare prodotti relativi alla previdenza vincolata presso istituti bancari (conti 3a, fondi previdenziali, assicurazioni sulla vita) e compagnie assicurative (polizza assicurativa).

FAQ - Pilastro 3a

A breve termine: 
I versamenti nel pilastro 3a possono essere dedotti dal reddito imponibile fino all’importo massimo stabilito per legge e l’avere non è soggetto all’imposta sulla sostanza. In questo modo è possibile ridurre ogni anno l’importo della fattura fiscale.
Con il nostro calcolatore fiscale è possibile calcolare in modo facile e veloce a quanto ammonta la somma risparmiata.

A medio termine:
Il denaro del pilastro 3a possono essere utilizzati per finanziare un’abitazione di proprietà.

A lungo termine: 
Il pilastro 3a consente di garantire una vita indipendente e autonoma nella terza età, non solo arrotondando la pensione, ma anche chiudendo eventuali perdite in termini di entrate regolari. 

Per il conto del pilastro 3a è previsto un tasso di interesse preferenziale, motivo per cui prima si effettuano i versamenti, meglio è. Se i versamenti si effettuano all’inizio dell’anno si approfitta del tasso per l’intero anno. Qui può confrontare gli attuali tassi di interesse.

Qui trova maggiori informazioni.

Importi massimi per impiegati e liberi professionisti

AnnoImporto massimo con cassa pensioneImporto massimo senza cassa pensione
 20206’82634’128
 20196’82634’128
 20186’76833’840
 20176’76833’840
 20166’76833’840
 20156’76833’840
 20146’73933’696
 20136’73933’696
 20126’68233’408
 20116’68233’408
 20106’56632’832
 20096’56632’832
 20086’36531’824
 20076’36531’824
 20066’19230’960
 20056’19230’960
 20046’07730’384
 20036’07730’384
Sì. Questo è il grande vantaggio del pilastro 3a. I versamenti nel pilastro 3a possono essere dedotti dal reddito imponibile fino all’importo massimo di 6’826 franchi (stato al 2020) stabilito per legge. L’avere del pilastro 3a non è soggetto all’imposta sulla sostanza. In questo modo è possibile ridurre ogni anno l’importo della fattura fiscale e risparmiare una bella somma.

Esempio
Un adulto celibe e senza figli con un reddito imponibile annuo di 80’000 franchi, senza patrimonio, nel Canton Zurigo può risparmiare fino a 1’548 franchi all’anno.
Qui è possibile calcolare il proprio potenziale di risparmio: calcolatore di imposte

Il conto di previdenza per la vecchiaia permette di risparmiare grazie alle agevolazioni fiscali. Il denaro viene gestito presso una fondazione di previdenza su un conto di risparmio o in un deposito in titoli (azioni, fondi, obbligazioni). Conto o fondo?

Generalmente è consigliabile occuparsi degli investimenti nel 3º pilastro il prima possibile. Un cuscinetto finanziario sufficientemente grande è decisivo per una maggiore libertà e autonomia dopo il pensionamento.


Non è mai troppo presto per risparmiare
Chi a 25 anni versa 150 franchi al mese in un fondo di investimenti del 3º pilastro, entro il 65º anno di età avrà pagato in totale 72’000 franchi netti. Con un rendimento medio del 3% annuo, tuttavia, considerato l’intero periodo l’importo aumenterà a 138’909 franchi. Chi invece inizia solo a 35 anni e con un importo mensile di 200 franchi, entro i 65 di età avrà risparmiato la stessa somma. Tuttavia, con lo stesso rendimento del 3%, l’importo finale sarà di soli 116’547 franchi, ovvero 22’362 franchi in meno.
Su questa pagina trova informazioni relative agli offerenti dei prodotti del pilastro 3a, suddivise in dettagli sul prodotto, indicazioni sulla banca e contributi della nostra community. Registro degli offerenti del pilastro 3a
I risparmiatori hanno la possibilità di cambiare offerente per il proprio conto di previdenza, ma possono farlo solo trasferendo l’intero importo sul conto attuale al nuovo fondo di previdenza. Dal punto di vista economico questo può essere conveniente, poiché i tassi di interesse applicati ai conti previdenziali variano a seconda dell’istituto. In genere il trasferimento è gratuito. Cambiare il conto 3a
Grazie al nostro modello può preparare in modo facile e veloce la sua disdetta e cambiare l’istituto finanziario. Per la maggior parte degli offerenti non è previsto alcun termine di disdetta. Risoluzione e trasferimento del conto 3a

Prelievo pilastro 3a

Il conto di previdenza è un conto bloccato. È possibile riscuotere l’avere del pilastro 3a solo cinque anni prima del raggiungimento dell’età pensionabile AVS ordinaria. Se si continua a esercitare un’attività lavorativa anche dopo aver raggiunto l’età pensionabile ordinaria, il pagamento può essere posticipato al massimo fino a cinque anni dopo.
La legge consente un prelievo anticipato del proprio avere di previdenza soltanto nei casi seguenti:
  • per il riscatto nella cassa pensione;
  • in caso di trasferimento definitivo all’estero;
  • in caso di avvio di un’attività lucrativa indipendente, dopodiché in caso di un cambio del settore professionale o di investimenti aziendali;
  • per l’acquisto o la ristrutturazione di un’abitazione di proprietà a uso proprio;
  • in caso di riscossione di una pensione di invalidità dell’Assicurazione federale per l’invalidità (AI);
  • in caso di restituzione di un prestito ipotecario.
Se si constatano lacune previdenziali, è possibile utilizzare l'avere del 3o pilastro per il riscatto nella cassa pensione (2o pilastro) senza che si verifichi un impatto in termini fiscali. Questa procedura è consentita soltanto se sono stati restituiti tutti prelievi anticipati per il finanziamento di un’abitazione di proprietà. Finché non si ha restituito tutto il denaro, non è possibile effettuare versamenti nella cassa pensione e approfittare delle agevolazioni fiscali.
Le persone che lasciano definitivamente la Svizzera possono riscuotere la somma disponibile sul conto di previdenza soltanto se sono in grado di dimostrare di aver già fatto richiesta di residenza permanente all’estero. Non è ad esempio consentito riscuotere l’avere del pilastro 3a per fare un viaggio intorno al mondo. In caso di prelievo anticipato, l’imposta alla fonte viene detratta direttamente dall’importo del pagamento.
È possibile richiedere il prelievo anticipato dei fondi di cassa pensione se si soddisfano le condizioni seguenti:
  • L’attività indipendente viene esercitata come attività principale; non sussiste più alcun obbligo di effettuare versamenti nella LPP obbligatoria.
  • Il versamento avviene per tempo entro un anno dall’avvio dell’attività lavorativa indipendente.
  • La registrazione presso la cassa di compensazione AVS come lavoratore indipendente è stata effettuata.
  • Viene gestita un’impresa individuale (si può anche far parte di una società in accomandita o in nome collettivo). Nel caso di una SA o di una Sagl il prelievo degli averi dal conto di previdenza non è possibile.
Il prelievo anticipato dal pilastro 3a è consentito anche se si rinuncia all’attività lavorativa indipendente attuale per avviarne una nuova (cambio del settore professionale). Anche in questo caso il versamento deve avvenire entro un anno dall’avvio della nuova attività lavorativa.
In caso di un investimento aziendale, i fondi del conto di previdenza possono essere prelevati anche in un secondo tempo. Questi investimenti devono figurare nell’inventario e non possono quindi essere utilizzati per coprire i costi di gestione correnti.
Chi percepisce una pensione intera dell’assicurazione per l’invalidità (AI) ha diritto a prelevare l’avere dal conto di previdenza se il rischio di invalidità non è coperto da un’assicurazione complementare. In ogni caso, dal conto non è possibile versare la pensione. A partire da un grado di invalidità del 70% sussiste il diritto a una rendita AI totale. Prima di poter effettuare la richiesta di prelievo anticipato, è necessario che la procedura AI sia conclusa.

Quali sono gli aspetti da tenere presente per il 3º pilastro/la previdenza vincolata?

È consigliabile creare diversi conti 3a e prelevarli in fasi separate durante la vecchiaia. In tutta la Svizzera le tasse sono più basse se si prelevano 30’000 franchi in cinque volte invece che 150’000 in una sola volta. Il prelievo è consentito solo cinque anni prima dell’età ordinaria di pensionamento AVS. Per questo motivo, raramente conviene possedere più di cinque conti. Bisogna inoltre ricordarsi che ogni conto 3a deve essere chiuso completamente in una sola volta.

Confrontare i tassi del conto del pilastro 3a

È importante versare l’importo massimo finché ce n’è l’occasione. I versamenti possono essere effettuati fino a poco prima del raggiungimento dell’età pensionabile e, se si è ancora attivi professionalmente, anche oltre questo traguardo. I versamenti nel 3o pilastro sono detraibili dal reddito imponibile. Quanto più alto è l’importo del versamento, tanto maggiore è il risparmio fiscale.

È importante coordinare bene i prelievi dal pilastro 3a ed eventuali riscossioni di capitale dalla cassa pensione. Per il calcolo dell’imposta sul capitale viene infatti considerato anche il capitale previdenziale prelevato nello stesso anno dal 2o e 3o pilastro. In questo caso, l’aliquota di imposta sarà più elevata, mentre sarà più bassa se il prelievo dei fondi viene scaglionato in più anni.
Se si intende riscuotere il patrimonio previdenziale in parte o per intero sotto forma di capitale, è necessario chiudere i conti 3a esistenti e farli tassare separatamente già un anno prima del pensionamento. Per l’ultimo anno lavorativo è possibile aprire un nuovo conto 3a, un’opzione senz’altro più attrattiva a livello fiscale.

I fondi del pilastro 3a possono essere prelevati in anticipo solo cinque anni prima del raggiungimento dell’età di pensionamento ordinaria. Chi invece continua a esercitare un’attività lavorativa anche dopo l’età di pensionamento, ha cinque anni di tempo per riscuotere l’avere previdenziale.

Nota per gli stranieri soggetti all’imposta alla fonte:
Per i versamenti valgono le stesse condizioni previste per i cittadini svizzeri. Tuttavia, per poter detrarre dalle imposte l’importo versato è necessario rivolgersi direttamente all’Ufficio delle imposte alla fonte competente.

Come trovare il conto 3a adatto?
Aprire un conto 3a consente di ampliare il proprio margine finanziario durante la vecchiaia. La scelta è molto ampia e questo tipo di conti 3a vengono offerti dalle assicurazioni e dalle banche. Negli ultimi anni, però, i classici conti 3a che maturano interessi sono diventati sempre meno attrattivi, questo a causa tassi di interesse costantemente negativi della Banca nazionale svizzera (BNS). I conti con fondi di investimento in titoli, invece, sono sempre più richiesti, dato che le possibilità di ottenere rendimenti più sostanziosi sono maggiori. Tuttavia, questi conti sono legati a un rischio più elevato. Altri offerenti propongono un’alternativa che prevede di investire in fondi indicizzati o in Exchange Traded Funds (ETF).

La digitalizzazione si è ormai estesa anche al pilastro 3a: alcune startup che collaborano con le banche permettono di gestire il pilastro 3a direttamente dallo smartphone e in modo quasi giocoso. Sul mercato vengono offerte anche polizze assicurative nell’ambito del pilastro 3a. In questo caso, si è tenuti per contratto a effettuare versamenti regolari, a scapito della flessibilità. Questo tipo di polizza può però essere una soluzione adeguata per chi desidera una certa «pressione» e con questo prendere un impegno concreto per provvedere al proprio futuro.

In ogni caso, qualsiasi sia la variante scelta, è consigliabile dare un’occhiata ai costi: quanto più alti sono i costi, maggiori saranno i rendimenti o i tassi di interesse consumati dalle imposte.

Consigli in materia di previdenza per ogni esigenza

Per poter vivere una vecchiaia dignitosa e autonoma, è necessario tenere conto di diversi aspetti in ogni situazione di vita. Ecco le informazioni più importanti a riguardo:

small-teaser-entry

Consigli per i giovani

Il futuro è una grande incognita... oppure no? Per i giovani contano soprattutto flessibilità e indipendenza, ma in termini economici non è mai troppo presto per iniziare a pensare alla propria previdenza. Ecco perché.

Consigli per i giovani
small-teaser-entry

Viaggiare senza pensieri

Prendersi una lunga aspettativa dal lavoro, spesso per intraprendere un lungo viaggio oppure per girare il mondo, è un sogno che oggi sempre più persone riescono a realizzare. Ma in che modo assentarsi dal lavoro influisce sulla previdenza? Ecco tutte le risposte.

Consigli per i giramondo
small-teaser-entry

Chi ben comincia è a metà dell’opera

Le decisioni di oggi determinano il futuro economico di domani. Quando si parla di previdenza, bisogna dotarsi di tanta disciplina e costanza. Comparis spiega come trovare la strategia più adatta alle proprie esigenze e ai propri obiettivi.

Consigli per gli adulti
small-teaser-entry

La previdenza giusta per le famiglie

Chi ha la responsabilità di una famiglia si pone domande sul tema previdenza di carattere più specifico. Ecco quali sono le soluzioni individuali più adatte a seconda delle esigenze.

Consigli per le famiglie
small-teaser-entry

Il sogno di una casa propria grazie alla previdenza

Prelevare il patrimonio dalla previdenza privata permette di realizzare più facilmente il sogno di una casa tutta per sé. Ecco a cosa bisogna prestare attenzione.

Consigli per il finanziamento di una casa
small-teaser-entry

Lavoro indipendente e responsabilità individuale

L’autonomia lavorativa significa anche assumersi la responsabilità di molte questioni, tra cui la propria previdenza per la vecchiaia. Chi vuole provvedere per il proprio futuro deve avere più disciplina e approfondire le proprie conoscenze in materia. Ecco qualche consiglio utile.

Consigli per gli indipendenti
small-teaser-entry

Pensionamento: come prepararsi al meglio

La situazione economica di chi va in pensione può cambiare molto e sono le decisioni di oggi che determinano il tenore di vita dopo il pensionamento. Ecco di cosa tenere conto.

Consigli per chi va in pensione
small-teaser-entry

Pensionamento... e poi?

Il traguardo è sempre più vicino e l’età del pensionamento è quasi raggiunta, ma bisogna ancora decidere se riscuotere il capitale risparmiato in una volta sola oppure se optare per il versamento di una rendita mensile. Spieghiamo come prendere la giusta decisione.

Rendita cassa pensione/riscossione capitale

Il tema della previdenza per la vecchiaia è complesso e spesso manca il tempo per approfondire tutti i dettagli. Allora perché non approfittare della consulenza del nostro servizio partner Optimatis?I nostri esperti contano su una solida esperienza e dispongono di tutte le informazioni necessarie. Richieda subito una consulenza senza impegno.

Optimatis, servizio partner indipendente di Comparis, e i suoi consulenti qualificati effettueranno insieme a lei un’analisi sistematica per fare il punto della situazione. Optimatis trova la soluzione previdenziale più adatta alle sue esigenze tra le molteplici presenti sul mercato. Vale dunque la pena rivolgersi a un esperto indipendente.

Richieda subito una consulenza e un esperto provvederà a contattarla personalmente. Durante il colloquio potrà decidere se accettare o meno le soluzioni proposte e in che modo procedere.

Ha già costituito una previdenza privata?

Prima inizia, meglio è.
Richiedere una consulenza senza impegno