Comparis
Newsletter
it

Assicurazioni

Auto e moto

Immobili

Credito e ipoteche

Salute e previdenza

Altri servizi

Comparis

Menu

AssicurazioniAssicurazione malattiaNuovi modelli assicurativi alternativi
Cambio assicurazione

Nuovi modelli assicurativi alternativi

Di Felix Schneuwly

13.10.2020

Foto: iStock / sturti

Il 17 giugno 2012, in occasione della votazione popolare, gli svizzeri avevano respinto a larga maggioranza il progetto Managed Care. Tuttavia, sempre più assicurati scelgono un modello assicurativo alternativo (MAA) per l’assicurazione di base: in questo modo si risparmia tra il 10 e il 25% sui premi, senza ripercussioni negative sulla qualità dell’assistenza medica. Attualmente oltre il 70% degli assicurati possiede già uno di questi modelli. Le compagnie assicurative, in collaborazione con i medici e altri fornitori di prestazioni mediche, introducono ogni anno nuovi MAA sul mercato.

In che modo si è limitati nella scelta del fornitore di prestazioni con un MAA?

Tutti i modelli assicurativi alternativi limitano gli assicurati nella libera scelta del fornitore di prestazioni mediche. In cambio, però, si riceve uno sconto sui premi. L’assicurazione deve definire le condizioni e le tariffe di ogni modello assicurativo alternativo, in modo che l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) possa approvare lo sconto sui premi.

Chi opta per un MAA, nella maggior parte dei casi è limitato nella scelta del fornitore di prestazioni già in occasione della prima visita medica o all’inizio di un trattamento. Ciò significa che, in caso di malattia, si deve sempre contattare in prima istanza il cosiddetto «gatekeeper»: con il modello Telmed bisogna rivolgersi al servizio di consulenza telefonico, con il modello Medico di famiglia al medico di famiglia scelto, con il modello HMO a un determinato centro HMO e con il modello Farmacia bisogna acquistare i medicinali prescritti in una farmacia partner. Visto che gli assicurati con un MAA non possono rivolgersi direttamente a un medico qualsiasi oppure recarsi al pronto soccorso per piccole bagatelle, è possibile risparmiare sui costi. Inoltre, durante la crisi del coronavirus molte persone, per paura di recarsi negli studi medici o in ospedale, hanno usufruito del servizio di consulenza telemedica e ne sono rimaste soddisfatte.

Confrontare ora i premi

Come si fa a risparmiare con un modello MAA?

Chi sceglie un modello assicurativo alternativo può risparmiare senza compromettere la qualità delle prestazioni mediche. Anzi: grazie al principio del gatekeeper, che permette al medico HMO di coordinare i trattamenti basati sui dati, il paziente evita di dover effettuare più volte gli stessi esami, di dover cercare autonomamente il medico giusto o una clinica oppure di doversi sottoporre a operazioni superflue o addirittura rischiose. Ecco alcuni esempi.

  • Chi opta per il modello Multimed di CSS in caso di malattia può scegliere tra diversi primi punti di contatto, come il medico di famiglia, il medico di riferimento all’interno della rete della salute o il centro di consulenza telemedica. Inoltre, si può usufruire della guida digitale myGuide. Una volta che l’assicurato ha risposto alle domande del questionario online, myGuide le esamina ed è in grado di capire se è necessario recarsi dal medico. Se il cliente ottiene una ricetta ripetibile per i suoi medicamenti, questi possono essere inviati tramite una farmacia online.

  • Il 1o gennaio 2021 Assura introduce il nuovo modello assicurativo alternativo Qualimed: in caso di determinati problemi di salute (legati al sistema cardiaco e circolatorio, all’apparato motorio, urinario o digerente), l’azienda online BetterDoc propone tre medici specialisti sulla base del referto del medico di famiglia e dei dati sulla qualità (40 criteri come formazione, pubblicazioni, numero di casi, feedback dei pazienti ecc.). Il paziente può quindi scegliere tra uno di questi medici. Il corpo medico svizzero sta facendo il diavolo a quattro contro la società tedesca BetterDoc, che sta fondando una succursale in Svizzera, perché l’assicurazione di base non può assumersi i costi delle prestazioni mediche all’estero, nemmeno se queste sono migliori o più convenienti di quelle offerte in Svizzera.

    I trattamenti e le raccomandazioni basati sui dati hanno un grande potenziale per il futuro, perché ritenuti più affidabili e sicuri rispetto ai consigli di un medico di famiglia che propone ad esempio amici o conoscenti per una determinata operazione.
  • Autore

    Felix Schneuwly

    Esperto Assicurazione malattia e Sanità

    media@comparis.ch

    Articoli correlati