Leggi e diritti

Cambio di veicolo o di detentore: a cosa bisogna prestare attenzione?

CONSIGLIO
|
Foto: iStock / courtneyk

Chi finalmente ha trovato l’auto che cercava, solitamente non vede l’ora di mettersi al volante. Comparis spiega come sbrigare in modo semplice e veloce tutte le formalità per l’immatricolazione di una vettura o la registrazione a nome di un’altra persona, addirittura risparmiando denaro.

Cosa bisogna fare in caso di cambio di veicolo o di detentore?

L’ufficio della circolazione stradale necessita dei documenti elencati qui di seguito, che si possono anche spedire per posta. Questo non solo permette di risparmiare tempo, ma spesso anche denaro, poiché con la spedizione non si applica la tassa amministrativa per il servizio allo sportello.

  • Libretto di circolazione in versione originale dell’auto che verrà sostituita (per il cambio di veicolo).
  • Libretto di circolazione in versione originale dell’auto nuova oppure, in caso di automobili nuove di fabbrica, il modulo 13.20A (disponibile presso il concessionario).
  • In caso di spedizione dei documenti per posta: modulo «Autorizzazione provvisoria a circolare», con cui la vettura può essere messa in circolazione a partire dalla data del timbro postale fino all’emissione del libretto di circolazione (massimo 30 giorni).
  • Alcuni cantoni richiedono inoltre una richiesta di ammissione alla circolazione della vettura. Per maggiori dettagli si consiglia di informarsi presso l’ufficio della circolazione stradale competente.
  • Bisogna inoltre ordinare presso la propria compagnia assicurativa la conferma o attestato digitale dell’assicurazione obbligatoria di responsabilità civile auto. La compagnia assicurativa provvederà a inviare l’attestato al rispettivo ufficio della circolazione stradale. È importante ricordare che la conferma deve essere valida alla data dell’immatricolazione (la data di emissione non deve superare i 30 giorni). Chi ancora non ne ha una, con Comparis può trovare la giusta assicurazione auto in modo semplice e veloce.

Buono a sapersi: al momento della prima immatricolazione, di norma per il ritiro delle targhe è necessaria una copia di uno dei seguenti documenti: carta di identità, permesso di soggiorno/libretto per stranieri o patente di guida svizzera. Inoltre, l’ufficio della circolazione stradale richiederà un certificato di domicilio. Per le auto aziendali, invece, è necessario un estratto del registro del commercio.

Cambio di veicolo: cosa succede alla mia assicurazione auto?

Il cambio della vettura o del suo intestatario è un’ottima occasione per prendere in considerazione il passaggio fuori termine a un’altra compagnia assicurativa senza rimetterci sui premi.

Il nuovo detentore di un’auto può stipulare un nuovo contratto di assicurazione presso l’attuale compagnia o presso un altro assicuratore di sua scelta. La compagnia rilascerà quindi un attestato di assicurazione per l’ufficio della circolazione stradale a nome del nuovo intestatario. Ad attestato ricevuto, l’ufficio della circolazione stradale provvederà alla registrazione del veicolo con il nuovo nome.

Il detentore precedente è inoltre tenuto a informare la propria assicurazione di non essere più il detentore dell’auto in questione. Dopodiché, l’assicurazione provvederà ad annullare il contratto di assicurazione e a rimborsare all’assicurato la quota dei premi già versati pro rata parte (in base alla data).

Per il cambio di veicolo va in ogni caso inviata una disdetta per iscritto e prima dell’immatricolazione di una nuova auto. Annullare il contratto in modo semplice e veloce è possibile con la lettera di disdetta di Comparis.

Il nostro consiglio: se il veicolo ha più di 10 anni va in ogni caso sottoposto a un controllo o una revisione prima di passare al nuovo detentore. Nella maggior parte dei cantoni vale lo stesso se l’ultimo collaudo risale a più di un anno. Il nuovo detentore deve provvedere alla modifica immediata del libretto di circolazione.

Posso trasferire la mia auto a un’altra persona, targhe comprese?

Chi desidera trasferire la propria vettura, targhe comprese, a un’altra persona o impresa, può farlo solo se il passaggio avviene nei seguenti contesti:

  • cerchia familiare più stretta (genitori, nonni, figli, coniuge, fratelli);
  • partner convivente, concubino;
  • imprese (a persone con potere di firma);
  • da un’impresa all’altra.

Buono a sapersi: se si trasferisce l’auto, targa compresa, a un membro della propria famiglia, il nuovo detentore della vettura diviene anche il nuovo intestatario dell’assicurazione e non può annullarla. Per il passaggio servono i documenti seguenti:

  • Libretto di circolazione in versione originale
  • Attestato di assicurazione
  • Richiesta di cessione o trasferimento (ottenibile per posta o allo sportello)

Desidero immatricolare nuovamente la mia autovettura: quali sono i documenti necessari?

Chi vuole immatricolare di nuovo la propria autovettura deve presentare o inviare all’ufficio della circolazione stradale i documenti seguenti:

  • Attestato di assicurazione, precedentemente ordinato presso la propria compagnia assicurativa
  • Libretto di circolazione in versione originale (solo in caso di cambio di indirizzo, assicuratore ecc.)

L’ufficio della circolazione stradale spedisce le targhe per posta. Se queste sono state depositate presso l’ufficio postale, al ritiro è necessario presentare il libretto di circolazione. Per maggiori informazioni in merito a indirizzi, moduli, tasse amministrative ecc. si consiglia di rivolgersi all’ufficio della circolazione stradale del proprio cantone.

Buono a sapersi: in caso di un cambio di cantone si hanno 14 giorni di tempo per informare l’ufficio della circolazione stradale del nuovo luogo di domicilio.