Assicurazione

Assicurazione auto: quanto ricevo in caso di danno totale?

ANALISI
| di Andrea Auer |
Più alto è il premio assicurativo, migliori sono le prestazioni in caso di danno totale? Non per forza. Foto: iStock / deepblue4you

Quando si parla di assicurazioni auto non conta solo il premio, ma anche e soprattutto le prestazioni in caso di emergenza. Se ci si trova coinvolti in un sinistro, le assicurazioni non rimborsano lo stesso importo per il danno totale subito. Le differenze tra i rimborsi possono variare anche fino al 25%. Soprattutto nel caso delle vetture più datate, cambiare compagnia assicurativa può essere un vantaggio. Comparis fa chiarezza.

Se una vettura subisce un danno totale, solitamente l’assicurazione casco rimborsa al proprietario un importo superiore al valore del veicolo al momento dell’incidente. Questo perché il calcolo del risarcimento si basa sulla cosiddetta tabella del valore attuale maggiorato. Tale aggiunta serve a bilanciare l’elevata perdita di valore dell’auto, soprattutto nei primi anni. Tuttavia, spiccano differenze significative tra le prestazioni offerte dalle compagnie assicurative in caso di emergenza. A cosa si deve prestare attenzione quando si parla di risarcimento in caso di danno totale? Comparis ha tutte le risposte.

Rimborsi diversi a seconda dell’assicuratore

L’importo del risarcimento in caso di danno totale varia a seconda della compagnia assicurativa. Alcuni assicuratori pagano per un’auto di 1,5 anni di vita l’intero prezzo di acquisto; i clienti di altre compagnie assicurative ricevono invece l’86% del prezzo di acquisto. Ecco un esempio: i conducenti di una Skoda Octavia (valore a nuovo: 26’040 franchi) ricevono, a seconda dell’assicuratore, un rimborso di 3’646 franchi in meno rispetto ad altri. Nel caso della più cara BMW X5 (valore a nuovo di 86’600 franchi) la differenza è addirittura di oltre 12’000 franchi.

La tabella seguente mostra i risarcimenti in percentuale (in rapporto al valore a nuovo) a seconda dell’offerente.



Conviene cambiare compagnia assicurativa?

A seconda dell’offerente, conviene confrontare le varie compagnie assicurative già dal primo anno. Le differenze a livello di prestazioni spiccano soprattutto tra le auto di oltre 7 anni di età.

Di norma, il calcolo del risarcimento del danno totale durante l’ottavo anno di utilizzo (auto di oltre 7 anni di età) si basa sul valore attuale della vettura. Nel caso delle auto meno datate, la maggior parte degli assicuratori si basa sul valore a nuovo (ad eccezione di Basilese Assicurazioni, TCS e Vaudoise). A partire dall’ottavo anno di vita, oltre al valore attuale della vettura, 6 dei 14 assicuratori analizzati prevedono anche il rimborso del 10% del suo valore a nuovo (vedi tabella). Le compagnie di assicurazione Dextra, kasko2Go, PostFinance e Vaudoise prevedono un risarcimento di questo tipo fino alla fine del ciclo di vita della vettura. In tal modo anche per le auto più datate gli automobilisti ricevono sempre almeno il 10% del valore a nuovo, anche se il valore attuale del veicolo è sempre più vicino allo zero. Da parte di queste compagnie, in caso di danno totale di una BMW X5 gli assicurati riceverebbero un risarcimento di almeno 8’600 franchi.

Buone prestazioni non sempre sinonimo di premi più alti

L’importo del premio non è correlato all’importo del risarcimento in caso di danno totale. Il calcolo del premio dipende da molti fattori individuali. Anche le compagnie assicurative con buone prestazioni in caso di danno totale sono in grado di offrire premi bassi. Nelle Condizioni generali di assicurazione (CGA), sotto «valore attuale maggiorato», trova informazioni dettagliate in merito all’importo delle prestazioni.