Appartamento in affitto

Un quarto degli affittuari vuole traslocare ma non se lo può permettere

STUDIO
|
Sondaggio di Comparis: in linea generale gli svizzeri sono mobili, molti tuttavia non possono traslocare. Foto: iStock/Lordn

Il 26 per cento degli affittuari svizzeri desidera traslocare, ma non può soprattutto per ragioni finanziarie. Emerge anche in questo contesto una netta divisione segnata dal Röstigraben: per i romandi traslocare è un ostacolo molto più ostico. In linea generale, tuttavia, gli svizzeri non restano fissi in un luogo. Nell’arco degli ultimi anni il 55 per cento degli affittuari ha cambiato casa. È prevedibile che questo sviluppo dinamico continui ad aumentare.

Un sondaggio rappresentativo tra oltre 4’000 affittuari svizzeri mostra che il tema «abitazione» si trova molto in alto nella lista delle priorità degli intervistati. Subito dopo la «famiglia» viene infatti indicato come l’aspetto più importante della vita.

Ciononostante, un quarto degli intervistati non è soddisfatto della propria situazione abitativa. Il 26 per cento degli affittuari desidera lasciare l’appartamento in cui abita attualmente, ma non può farlo soprattutto per ragioni finanziarie. Le ragioni familiari e professionali, invece, sono nettamente meno determinanti come anche gli animali domestici e una formazione o corsi di aggiornamento.

 Frequenza di trasloco degli affittuari svizzeri

 Trasloco: ostacoli principali per gli affittuari svizzeri

Il fatto che l’aspetto finanziario rappresenti il principale ostacolo per un trasloco non stupisce Nina Spielhofer, esperta di immobili presso Comparis, che afferma: «Secondo le nostre osservazioni di mercato, ben il 40 per cento degli affittuari svizzeri deve limitare le spese in altri settori a causa dei costi d’affitto».

Nette differenze regionali in quanto a desiderio di trasloco

L’incongruenza tra desideri e realtà riguarda soprattutto la Svizzera romanda: il 37 per cento dei romandi che vogliono cambiare abitazione non sono in grado di dar seguito alle proprie aspirazioni. Nella Svizzera tedesca e italiana la quota, corrispondente al 23 per cento, è decisamente inferiore. Tra i romandi, invece, l’ostacolo finanziario per un trasloco ha un peso molto più significativo, pari all’80 per cento, che per gli svizzeri tedeschi e i ticinesi, rispettivamente con il 60 e il 63 per cento.

 Affittuari che vogliono traslocare ma non possono

Le economie domestiche con reddito ridotto e figli non possono traslocare

Le economie domestiche con un reddito mensile sotto i 4’000 franchi dichiarano più di frequente, con una quota del 35 per cento, di voler impacchettare le proprie cose e trasferirsi, ma di non poterlo fare. Tra le economie domestiche con un redditto da 4’000 a 8’000 franchi il 26 per cento ha questo desiderio e nel caso di un reddito superiore a 8’000 franchi la quota scende al 21 per cento.

Anche i figli rappresentano un ostacolo: un terzo degli intervistati con figli avrebbe il forte desiderio di traslocare. Tra le economie domestiche senza figli solo il 24 per cento desidera cambiare, una percentuale decisamente inferiore.

Un affittuario su cinque ha traslocato negli ultimi 12 mesi

Nonostante tutto le economie domestiche svizzere sono mobili: negli ultimi cinque anni più della metà di tutti gli affittuari ha cambiato il proprio luogo di domicilio almeno una volta e il 22 per cento degli affittuari intervistati ha traslocato almeno una volta negli ultimi 12 mesi. La dinamica di trasloco non sembra rallentare il passo in futuro: circa un quarto delle economie domestiche pianifica infatti un trasloco nei prossimi 12 mesi. La frazione latina è più desiderosa di traslocare rispetto ai cugini tedeschi: con il 33 per cento gli affittuari romandi e ticinesi pianificano di cambiare casa.