Trasloco

Trasloco con animali domestici

ATTUALITÀ
|
Il trasloco può risultare molto stressante anche per gli animali domestici. Foto: iStock.com/Milan_Jovic

Traslocare è uno sress. Non solo per noi umani, ma anche per i nostri fedeli amici a quattro zampe. La confusione, il rumore, il trasporto in auto, per non parlare di odori e suoni nella nuova abitazione: per gli animali è un incubo. comparis.ch offre alcuni consigli per ridurre lo stress degli animali domestici prima, durante e dopo il trasloco. Così anche il vostro quadrupede potrà godersi la nuova dimora ed essere contento come i padroni!

Preparazione

Affinché nel trasloco fili tutto liscio come l’olio, una preparazione come si deve è indispensabile. L’obiettivo è di mantenere lo stress dell’animale al livello più basso possibile. Certo è che con la confusione che si crea durante un trasloco e i relativi rumori, è più facile a dirsi che a farsi. Almeno quando si parla di cani e gatti, quindi, può essere sensato scegliere di far alloggiare il quadrupede in una pensione per animali o da conoscenti. Conviene riflettere in anticipo quale sia la soluzione migliore per l’animale. Ad esempio, per i gatti che escono ed entrano liberamente da casa, essere spostati in un altro luogo spesso è più stressante di quanto possa essere il trasloco.

È consigliabile poi assicurarsi di avere i trasportini adeguati e di informarsi in anticipo su un veterinario nelle vicinanze della nuova abitazione: non si sa mai con certezza cosa può succedere ed è bene essere pronti a tutto. Per chi ha un cane, è bene portare il cane nella nuova abitazione già prima del trasloco, in modo che possa abituarsi al luogo e che il giorno del trasloco non sia sottoposto ad agitazione eccessiva. Da non dimenticare poi che anche i cane deve essere cancellato dal vecchio comune e registrato nel nuovo. Se si possiedono animali esotici o cani con obbligo di autorizzazione, conviene informarsi ancora prima di partire sui documenti necessari nel nuovo domicilio.

Durante il trasloco

Non bisogna dimenticare che il giorno del trasloco non siamo stressati solo noi umani, ma anche i nostri animali. È bene fare attenzione che l’animale abbia il più a lungo possibile attorno a sé o comunque nelle vicinanze gli oggetti che gli sono familiari. Conviene trasportare le cucce, le ciotole e i giochi quando si mette in auto l’animale. È quasi normale pensare che sia bene lavare subito le copertine della cuccia appena si arriva nella nuova casa o cambiare la sabbia della toilette, ma per l’animale questo significa stress aggiuntivo. I nostri fedeli compagni a quattro zampe, infatti, tendono ad abituarsi più velocemente alla nuova abitazione quando possono orientarsi in base ad odori conosciuti. 

Durante un trasporto lungo conviene preoccuparsi che l’animale disponga di cibo e acqua. Qualche premio e i giochi preferiti possono aiutare a infondere tranquillità. Esistono inoltre spray speciali di feromoni per cani e gatti che aiutano a calmare gli stati d’ansia in cani e gatti. Le gabbiette per trasportare piccoli animali, inoltre, possono essere coperte con un asciugamano e anche questo ha un effetto calmante.

Abituarsi alla nuova casa

Dopo il trasloco sarebbe bene tornare alla normalità in fretta. In generale si può dire che l’animale domestico si orienta al padrone. Conviene quindi prendere un paio di giorni di ferie dopo il trasferimento, in modo da poter passare un po’ di tempo con l’animale. È consigliabile evitare attività troppo agitate e stressanti. Se gli umani emanano tranquillità, alche per per gli animali il cambiamento risulterà più facile. 

Subito dopo il trasloco è opportuno piazzare le ciotole, le cucce e la toilette per gatti nei posti più adatti e poi non spostarle per un po’ di tempo. Non sarebbe male, poi, montare mobili e simili nel giro di poco tempo, in modo che anche l’animale si abitui facilmente al nuovo ambiente. Se cani e gatti continuano ad essere stressati, si può sempre ricorrere, anche dopo il trasloco a spray o diffusori di feromoni. 

I gatti che sono abituati ad andare fuori liberamente dovrebbero essere tenuti all’interno dell’appartamento nuovo almeno due o tre settimane. Devono però avere accesso alle finestre, in modo da potersi abituare alla nuova zona. La prima volta che il gatto esce, consigliamo di seguirlo a debita distanza. Alcuni gatti, dopo il trasloco, tornano indietro al vecchio appartamento. È bene quindi assicurarsi che i vicini dell’appartamento precedente abbiano il vostro contatto, così da potervi informare in caso succedesse proprio questo.